Coronavirus, Bill Gates: la pandemia finirà solo nel 2022. Poi la critica all’amministrazione Trump per il rapporto con l’Oms.

Coronavirus, la pandemia finirà solo nel 2022, parola di Bill Gates, fondatore di Microsoft e della Gates Foundation.

Per Bill Gates inoltre, a meno che non vengano adottate misure di rilievo, negli Usa il numero dei morti potrebbe raggiungere quello della scorsa primavera.

La buona notizia arriva dai vaccini, che potrebbero ottenere l’approvazione entro la fine dell’anno o, al più tardi, all’inizio del prossimo.

Bill Gates sul coronavirus: la pandemia finirà solo nel 2022

Bill Gates, parlando ai microfoni de la Stampa, ha fatto sapere di essere pessimista sull’andamento dell’epidemia nel prossimo autunno. E parlando degli Stati Uniti, dove la situazione resta drammatica, prevede un incremento del numero delle vittime a meno che le autorità non procedano con interventi di rilievo.

Laboratorio Coronavirus
Laboratorio Coronavirus

I vaccini

La buona notizia nella lotta al coronavirus arriva dai vaccini “promettenti” che potrebbero ottenere il via libera entro la fine dell’anno o comunque non più tardi dell’inizio del prossimo anno.

Bill Gates, l’attacco all’Amministrazione Trump

Nel corso della sua intervista a la Stampa, Bill Gates non ha risparmiato critiche all’amministrazione Trump, soprattutto per quanto riguarda la battaglia con l’Organizzazione Mondiale della Sanità: “L’amministrazione non collabora con l’Oms. Sono in disaccordo, lo considero un errore. È increscioso che molte dichiarazioni del presidente abbiano fatto percepire una certa contrarietà alla riuscita della sperimentazione sui vaccini. Quando sarà finita, gli Usa dovranno fare un esame molto approfondito, per capire come prepararsi alla prossima pandemia“.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Bill Gates coronavirus cronaca economia

ultimo aggiornamento: 15-09-2020


Antitrust, multa da 5 milioni a Poste per il caso delle raccomandate ingannevoli

Unicredit down, in tilt i conti online e i pagamenti. Problemi anche nella giornata di martedì. Cosa è successo