Prossima settimana una cabina di regia per valutare le riaperture. La data per la ripartenza è quella del 20 aprile.

ROMA – Una cabina di regia per valutare le riaperture a partire dal 20 aprile. La prossima settimana, secondo quanto riportato dall’Ansa, il premier Draghi dovrebbe riunire tutti i partiti di maggioranza per ragionare sulla possibilità di alleggerire le misure su base regionale e non nazionale.

Il giorno ancora non è stato fissato, ma l’ipotesi più probabile sembra essere quella di giovedì 15 o venerdì 16 aprile. Decisivo, infatti, sarà il terzo monitoraggio del mese. Solo dopo si deciderà se procedere con l’allentamento delle restrizioni o confermare le misure fino a maggio.

Regioni in pressing

A chiedere un allentamento delle misure sono le stesse regioni. “Fornire prospettive a quei settori chiusi valutando aperture subito dopo il 20 aprile, nel caso di un miglioramento dei dati epidemiologici, per poi permettere da maggio la ripartenza di attività economiche da troppo tempo in stand-by come le palestre“, questa la posizione dei governatori che sarà confermata nel prossimo incontro con il premier Draghi sul Recovery Fund.

La prossima settimana, quindi, una cabina di regia per valutare una riapertura, ma molto probabilmente si inizierà a ragionare sul decreto di maggio.

Coronavirus
Coronavirus

Italia in zona rossa, i controlli del Viminale

In attesa di capire eventuali riaperture, l’Italia è pronta a ritornare nel consueto sistema bicolore dopo tre giorni di zona rossa. A Pasqua i controlli della polizia hanno superato quota 96mila. Quasi 2.500 le persone sanzionate (in calo rispetto al giorno precedente), mentre le denunciate sono 26.

Sono state 10.423 le attività commerciali che hanno avuto dei controlli. Di queste 23 sono state costrette alla chiusura per il mancato rispetto delle norme anti-Covid. Le forze dell’ordine, inoltre, hanno sanzionato 83 titolari.

TAG:
coronavirus governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 05-04-2021


Viaggi all’estero, la nuova stretta fino a fine aprile

Pacco ‘sospetto’ al presidente Bonaccini. Rafforzata la sicurezza