Coronavirus in Italia, il calendario della fase 2. Quattro lunedì per completare il programma. Cosa riapre e quando (curva dei contagi permettendo).

Arriva dalle colonne de il Corriere della Sera il calendario della fase 2 in Italia. Un programma da completarsi in quattro lunedì per procedere con una riapertura progressiva delle attività attraverso un graduale allentamento delle misure restrittive.

Coronavirus
Coronavirus

Coronavirus in Italia, il calendario della Fase 2

Come anticipato da il Corriere della Sera, si procederà con una riapertura in quattro date. Quattro lunedì per tornare più o meno alla normalità. Andiamo ad analizzare quello che, salvo variazioni dell’ultimo minuto, dovrebbe essere il calendario della fase 2.

La prima tappa il 27 aprile

Come anticipato negli ultimi giorni, la prima tappa della fase 2 è fissata per il 27 aprile, quando dovrebbero riaprire i battenti le fabbriche della filiera dell’agricoltura e della filiera della silvicoltura. Un primo passo che consentirà di allentare le misure restrittive muovendo poche persone. In questo periodo di tempo gli esperti potranno analizzare gli effetti sulla curva dei contagi.

Il 4 maggio la prima vera riapertura

La prima tappa veramente significativa sarà quella del 4 maggio, quando dovrebbero ripartire le filiere della moda, industrie tessili incluse. In questa data dovrebbero essere allentate anche le misure restrittive per le persone fisiche che, munite di autocertificazione, potranno muoversi anche fuori dai confini comunali. Restano interdetti gli spostamenti tre le Regioni. Sono previste anche concessioni per gli sportivi, che potranno praticare attività fisica anche lontano da casa.

L’11 maggio le vendite al dettaglio

L’11 maggio si dovrebbe procedere con l’apertura dei negozi delle vendite al dettaglio. Dovrebbero riaprire tutti i negozi ad eccezione dei centri commerciali e dei mercati rionali che non vendono alimenti, stando a quanto riferito dal CorSera.

Il 18 maggio riaprono bar e ristoranti

Chiudono il calendario programmato i bar e i ristoranti, che dovrebbero riaprire i battenti il prossimo 18 maggio ovviamente rispettando i protocolli e le misure di sicurezza. Solo in questa data, dati permettendo, si potrebbero riaprire i confini regionali.

Coronavirus
Coronavirus

Ma tutto dipenderà dai numeri

Il governo è ovviamente al lavoro su un calendario lungo e progressivo, che ovviamente potrebbe variare in corso d’opera in base all’andamento della curva del contagio. Sembra difficile che possano essere bruciate le tappe, ma sicuramente se la curva dei contagi dovesse essere allarmante si procederà con una revisione restrittiva del calendario.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 24-04-2020


Coronavirus, per la prima volta guariti e dimessi sono di più dei nuovi positivi. Locatelli: “Indice R0 tra 0,5 e 0,7”

Donna morta a Bagheria, tre arresti: due sicari e la nipote, rea confessa