Emergenza coronavirus in Italia, le comunicazioni del Ministro della Salute Roberto Speranza: “Il governo è in Aula per un confronto”.

Nella giornata del 24 febbraio il Ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto al Senato e alla Camera per le comunicazioni sull’emergenza coronavirus.

Emergenza coronavirus, le comunicazioni del Ministro della Salute Roberto Speranza

Il dpcm in vigore è in scadenza il 5 marzo e il governo è qui in Aula per un confronto con il Parlamento“, ha esordito il Ministro della Salute Roberto Speranza.

Siamo in una situazione politica completamente nuova. Superata la crisi, tutti dobbiamo sentire forte l’obbligo di corrispondere positivamente alle ragioni sostanziali che hanno portato alla nascita di questo esecutivo: fronteggiare le gravi emergenze sanitarie, economiche e sociali”, ha proseguito Roberto Speranza.

Siamo all’ultimo miglio, ad un passaggio delicato e decisivo. Serve uno sforzo unitario, una leale collaborazione“.

Di seguito il video con la diretta dei lavori al Senato.

Speranza, “Non ci sono le condizioni per allentare le misure di contrasto”

Argineremo il virus grazie alla scienza e al lavoro quotidiano del nostro personale sanitario, che non smetteremo di ringraziare ogni giorno“, ha proseguito Speranza. “I ritardi di alcune forniture non cambieranno l’esito della partita in corso. Non è retorica: finalmente vediamo la luce in fondo al tunnel“.

In questo ultimo miglio non possiamo abbassare la guardia. Non ci sono le condizioni per allentare le misure di contrasto alla pandemia“, ha evidenziato Roberto Speranza.

Le principali nazioni europee hanno scelto una linea comune di grande cautela. L’Italia si muove in questo solco. Il governo ha approvato il decreto che proroga al 27 marzo il divieto di spostamento tra le Regioni. Sarebbe un grave errore affrontare in modo diverso la parte finale della lunga emergenza […]. I parametri che portano alla definizione di rischio sono sempre stati condivisi dalle Regioni. Ritengo sia utile favorire un nuovo confronto per valutare il quadro in cui siamo“, ha proseguito Speranza ipotizzando una revisione dei parametri

La situazione epidemiologica in Italia

Analizzando la curva del contagio è necessario mantenere un approccio di grande prudenza. L’ultimo monitoraggio conferma segnali di tendenza all’incremento dei casi. L’incidenza nazionale passa a 135 per 100.000 abitanti. Il numero di nuovi casi aumento. Con incidenza alta e crescente si riduce la capacità di tracciamento dei contatti. L’Rt medio è in crescita rispetto alla settimana precedente ed è a 0.99. L’Rt si avvia a superare la soglia di 1 nonostante le misure in vigore. Con Rt sopra ad 1 si verifica un aumento significativo dei nuovi casi. È fondamentale non perdere la memoria dei mesi passati“.

Speranza, “La diffusione della variante inglese rende più difficile il controllo”

La variante inglese è presente in maniera diffusa su tutto il territorio nazionale. Presto sarà la variante prevalente nel nostro Paese e la maggiore velocità di diffusione rende più difficile il controllo del virus e rende necessario un rafforzamento delle misure. Fortunatamente i vaccini sono efficaci contro questa variante […]. Negli ultimi giorni è stata segnalata da 5 Regioni la necessità di 25 zone rosse. Tali misure restrittive sono indispensabili“.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 24-02-2021


Chi era Antonio Catricalà

“Il padre deve dare le regole, la madre deve accudire”: bufera su Carlo Ciccioli, capogruppo Fdi nelle Marche