Emergenza coronavirus, i dati dell’Università della Tuscia: ventuno milioni di italiani vivono in difficoltà economiche, più di dieci con un reddito quasi nullo.

È drammatica la fotografia dell’Università della Tuscia sull’emergenza economica legata al coronavirus in Italia. Stando allo studio, ventuno milioni di italiani stanno vivendo in considerevoli difficoltà economiche, mentre la metà sta attraversando questo periodo con un reddito nullo o quasi.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Emergenza coronavirus, i dati del’Università della Tuscia

Secondo i dati forniti dall’Università della Tuscia, 21 milioni di italiani stanno vivendo questa emergenza coronavirus in condizioni di difficoltà economiche.

Più di dieci milioni di persone avrebbero un reddito quasi nullo, quasi otto milioni hanno un reddito di cinquecento euro lordi mensili.

Sulla situazione, ovviamente e inevitabilmente, grava il peso del lockdown. Le categorie a rischio, secondo l’Università della Tuscia sono le coppie con figli e i genitori single.

Governo al lavoro sul decreto di aprile. Scontro con le Regioni sulla riapertura

Questi sono i numeri con i quali il governo deve fare letteralmente i conti anche in vista del decreto di aprile, che dovrebbe iniettare nuova liquidità nella speranza almeno di limitare i danni in attesa che la macchina economica italiana torni a produrre a pieno regime.

In questo contesto inoltre si gioca la partita tra le Regioni e il governo, con le prime che spingono per la riapertura in tempi brevi, e il secondo che invece frena per prudenza alla luce delle indicazioni degli esperti.

Scarica QUI il testo del Decreto Cura Italia per conoscere le norme a sostegno delle famiglie e delle imprese.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 17-04-2020


Coronavirus, il mercato dell’auto crolla: -51,8 per cento di vendite in Europa

Governo al lavoro sul decreto di aprile. Adepp: “Mancano le coperture per il bonus 600 euro”