I rider in rivolta, chiedono garanzie e tutele in questo periodo di emergenza coronavirus. L’appello al governo. Ma la consegna a domicilio è un servizio necessario?

Le misure stringenti adottate dal governo per contenere l’emergenza coronavirus non accontentano tutti. Anzi, ci sono categorie di lavoratori in rivolta perché costretti a lavorare nonostante i rischi. Tra questi ci sono i rider, i fattorini che si occupano di consegnare cibo a domicilio. Attraversano la città, entrano in contatto con le persone. Rischiano.

Emergenza coronavirus, rider in rivolta

I diretti interessati conoscono bene la situazione e si appellano al governo. La richiesta è comprensibile. Avere un reddito per poter rimanere a casa in questi giorni di emergenza. L’idea delle sigle sindacali è quella di arrivare alla sospensione del servizio, ma senza un rimborso economico molte persone andrebbero in difficoltà. E inevitabilmente si chiede una soluzione al governo, anche perché in molti casi i rider non possono rispettare le norme igienico-sanitarie richieste.

Rider
fonte foto https://twitter.com/MinLavoro

La consegna a domicilio è un servizio indispensabile?

In molti si domandano se la consegna del cibo a domicilio debba essere considerato come un servizio indispensabile. Forse per non abbandonare le persone in difficoltà (anziani e malati), ma per queste categorie dovrebbero muoversi altre realtà, come la Protezione Civile o la Croce Rossa.

Pochi controlli, così rider e clienti non sono tutelati

Attenzione. In Cina i fattorini hanno continuato a fare consegne. Ma erano soggetti a un controllo meticoloso durante lo svolgimento della propria attività. Controllo della temperatura. disinfettante, antibatterico. Tutto registrato. In Italia la situazione è decisamente differente. I controlli sono inesistenti o quasi e le aziende, almeno per il momento, non hanno fornito materiale sanitario ai rider.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus


Coronavirus, più di mille decessi in Italia. Il bollettino

Calabria, viola norme contro il coronavirus: arrestato il latitante Cordì