Coronavirus negli Stati Uniti, nuove fosse comuni ad Hart Island, New York. L’emergenza riporta alla ribalta uno dei posti più tristi e desolanti dell’uomo.

L’emergenza coronavirus investe gli Stati Uniti. Alla luce del gran numero dei decessi si scavano nuove fosse comuni ad Hart Island (New York) per seppellire le persone che non hanno cari che possano richiederne le spoglie.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Coronavirus negli Stati Uniti, nuove fosse comuni per i morti ‘senza cari’

Emergono così le foto scattate da un drone ad Hart Island. Si tratta di una piccola isola al largo del Bronx dove viene seppellito chi non ha cari o familiari che possano richiederne le spoglie. E a questi si aggiungono anche tante persone morte a causa del coronavirus, che ha messo letteralmente in ginocchio gli Usa.

Scavate nuove fosse comuni ad Hart Island

Stando a quanto riferito dalla stampa, decine di detenuti del carcere di Rikers lavorano – assunti a contratto – per scavare nuove fosse, destinate ad accogliere le vittime senza nessuno del coronavirus. E le immagini rilanciate dalla Bbc e diffuse sulla rete non lasciano dubbi particolari. Anzi, lasciano senza parole. Non ci sono dubbi che siamo di front a scatti destinati a rimanere nella storia della pandemia. Una testimonianza della tragedia che ha messo in ginocchio gran parte del mondo.

I decessi. Usa in ginocchio

Stando alle stime, sull’isola ad oggi ci sarebbero più di un milione di corpi. E il dato è destinato a crescere in maniera esponenziale nelle prossime settimane. I dati parlano chiaro. Negli Stati Uniti perdono la vita, a causa del coronavirus, migliaia di persone al giorno. Una tragedia. Di seguito la mappa dei contagi e dei decessi in tempo reale.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-04-2020


Quattro famiglie fermate e multate: stavano andando alla casa a mare

ISS, ‘Situazione in decrescita ma non possiamo abbassare la guardia’