Emergenza coronavirus in Lombardia, tra le ipotesi al vaglio la chiusura dei locali la Didattica a Distanza per gli studenti delle Superiori.

La Lombardia teme una seconda ondata di coronavirus e, analizzando i numeri degli ultimi giorni, riflette sulle restrizioni che potrebbero essere adottate nel caso in cui la situazione dovesse peggiorare ulteriormente.

Coronavirus in Lombardia, le ipotesi: chiusura anticipata dei locali e DAD per gli studenti delle superiori

Il Corriere della Sera ha visionato una email riservata che il Direttore Generale dell’assessorato alla Sanità ha inviato ai vertici della Regione Lombardia.

Nella mail in questione si propone di procedere con una stretta nelle zone ad alte circolazione del virus, come ad esempio Milano.

Si propone di anticipare la chiusura dei locali alle ore 18.00, come nella fase iniziale dell’emergenza coronavirus in Italia, e di procedere con la Didattica a Distanza per gli studenti delle scuole superiori per alleggerire la pressione sul trasporto pubblico locale. Per lo stesso motivo si propone anche di implementare, dove possibile, lo smart working. Questa indicazione dovrebbe arrivare anche dal governo con il prossimo dpcm.

Attilio Fontana
Attilio Fontana

I casi registrati a Milano

Per quanto riguarda la città di Milano la situazione è preoccupante. Negli ultimi giorni nella città si sono registrati cinquecento casi al giorno e rappresenta il centro nevralgico della Regione. Nella giornata di domenica 11 ottobre Milano ha contato 211 nuovi casi di Covid.

Coronavirus
Coronavirus

Riflessioni in corso in attesa del nuovo dpcm

Evidentemente i vertici della Regione Lombardia attenderanno un confronto con il governo per avere chiare le indicazioni che saranno contenute nel prossimo dpcm, quindi procederanno con le valutazioni del caso per contenere la circolazione del virus ed evitare che una nuova ondata investa la Regione.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus lombardia milano politica primo piano Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 12-10-2020


Coronavirus, tamponi e quarantena: con il nuovo dpcm cambia tutto

Conte accelera, “Cercheremo di licenziare il dpcm già stasera. Escludo nuovo lockdown”