Coronavirus, morto Luis Sepulveda. Lo scrittore era risultato positivo al Covid-19 e aveva iniziato una lunga battaglia contro la malattia.

MADRID (SPAGNA) – Coronavirus, morto Luis Sepulveda. Lo scrittore cileno era ricoverato in ospedale Le ultime indiscrezioni riportavano che l’uomo era in coma e con la respirazione assistita. La notizia era stata smentita dalla moglie dell’uomo.

Poi nella mattina del 16 aprile la notizia della morte del noto scrittore, che sarebbe deceduto a causa delle complicazioni del Covid-19.

Coronavirus, morto Luis Sepulveda

Dopo una lunga battaglia di un mese circa contro il coronavirus, lo scrittore cileno Luis Sepulveda è morto dell’ospedale di Oviedo, dove era ricoverato dopo essere risultato positivo al tampone per la ricerca del Covid-19.

Sulle sue condizioni di salute dopo il ricovero si sono susseguite informazioni e indiscrezioni contrastanti. Diversi giornali avevano fatto sapere che, a causa di un improvviso peggioramento, lo scrittore fosse addirittura in coma e assistito nella respirazione dai macchinari.

La notizia era stata fermamente smentita dalla moglie dell’uomo. Il dato di fatto è che le notizie a disposizione si sono ridotte con il trascorrere dei giorni fino a quella tragica del 16 aprile, in cui si annunciava il decesso del famigerato scrittore cileno.

Sepulveda
Sepulveda

Sepulveda contagiato in Portogallo?

Luis Sepulveda potrebbe essere stato contagiato in Portogallo. Secondo una prima ricostruzione, lo scrittore avrebbe contratto il virus in terra lusitana dove ha partecipato ad un festival letterario dal 18 al 23 febbraio con i primi sintomi che sono comparsi due giorni dopo al suo arrivo in Spagna.

Il ricovero in ospedale è avvenuto il 27 con il cileno che presentava una polmonite. Questa ha indotto i medici ad effettuare il test del Coronavirus che è risultato positivo.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

ultimo aggiornamento: 16-04-2020


Maltrattamenti in casa di riposo a Palermo, sei arresti

Coronavirus, morti Lee Konitz e Francesco Di Carlo