Emergenza coronavirus in Francia, dove si registrano focolai improvvisi nei pressi di Parigi. Forse è una nuova variante del Covid.

La Francia sta vivendo una nuova emergenza coronavirus e di fronte al moltiplicarsi dei focolai e all’aumento considerevole dei casi teme che stia circolando una nuova variante diversa da quelle identificate fino a questo momento.

Coronavirus
Coronavirus

Coronavirus, impennata di contagi in Francia: si ipotizza una nuova variante

L’ipotesi nasce dalle improvvise fiammate che hanno portato in pochi giorni alla nascita di diversi focolai di considerevoli dimensioni.

All’ospedale di Compiègne, nei pressi di Parigi, sono risultati positivi 170 pazienti e 70 tra medici e infermieri. Le analisi e i test non hanno portato all’individuazione della variante inglese del Covid, da qui il sospetto che possa trattarsi di una variante nuova, non ancora identificata e ancora più pericolosa di quelle individuate fino a questo momento.

L’ipotesi che sta prendendo piede tra le autorità sanitarie francesi è che il Paese stia facendo i conti con una nuova variante del Covid, differente da quella inglese e da quella brasiliana, le due varianti che più preoccupano in questo momento per la rapidità di trasmissione.

Coronavirus
Coronavirus

I dubbi sulle mascherine

Le autorità francesi, nella persona del Ministro alla Sanità, avevano fatto sapere di ritenere poco utili le mascherine di stoffa, che potrebbero essere inefficaci contro le nuove varianti del Covid (quali sono quelle sconsigliate). Le autorità consigliano quindi di indossare quelle chirurgiche e le FFP2, che garantirebbero una protezione maggiore.

In realtà proprio di fronte alla diffusione delle varianti del Covid, in diversi Paesi le autorità hanno chiesto ai cittadini di indossare le mascherine FFP2. Ovviamente le misure di protezione più efficaci sono quelle note. Distanza di almeno un metro tra le persone, igiene delle mani e protezione delle vie respiratorie.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 22-01-2021


Arcuri: “Nuova riduzione di dosi da parte di Pfizer”. Gimbe: “Seconda somministrazione a rischio”

Partner, parenti e figli: le regole per i ricongiungimenti