Coronavirus, il piano per il turismo: corridoi con Germania, Cina e Russia. Franceschini: “Faremo tutto in sicurezza”.

ROMA – L’estate è ormai alle porte con il Governo che sta cercando di mettere in atto un piano per il rilanciare il turismo. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, l’idea del ministro Franceschini è quella di creare ‘in sicurezza’ dei corridori con Germania, Cina e Russia.

Si valuta, insieme al Comitato tecnico-scientifico, come far arrivare i cittadini dai Paesi esteri cercando rispettare le norme anti-coronavirus e non far risalire il numero dei contagi. Presto questo piano potrebbe essere reso noto.

Di Maio: “Stiamo elaborando un piano estivo”

La conferma dell’ipotesi di confini aperti è arrivata da Luigi Di Maio che durante un Question Time ha spiegato: “Stiamo elaborando un piano estivo che permetta ai cittadini di trascorrere in sicurezza le vacanze. Vogliamo, però, dare la possibilità ai turisti provenienti dagli altri Stati di arrivare, sempre in sicurezza, in Italia per godersi le nostre meraviglie e dare ossigeno alla nostra economia“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio (fonte foto https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/)

Franceschini: “In Europa regole comuni”

Palazzo Chigi valuta l’ipotesi di creare dei corridori, idea che potrebbe entrare nel vivo in caso di conferma da parte dell’Unione Europea di creare dei rapporti bilaterali tra Paesi con numeri più bassi del coronavirus.

Una decisione che non è stata condivisa dall’Italia con il ministro Franceschini che chiede regole comuni per i viaggi: “No a malsana concorrenza tra Paesi. E’ chiaro che poi ci sarà il monitoraggio totale del dato epidemiologico nelle singole Regioni. Si deve andare, però, verso la creazione di norme condivise da tutte le Nazioni“. Un pensiero condiviso anche dal premier Conte che ne ha già parlato con la von der Leyen.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


Vaccino, Sanofi promette le prime dosi agli Usa. L’Ue frena: “Il suo accesso sarà equo e universale”

Infermieri di territorio, terapia intensiva e ambulanze Covid, come cambia la sanità con il dl Rilancio