Coronavirus, 14mila le sanzioni a Pasqua: il punto del Viminale

Coronavirus, 40enne mostra dito medio ai carabinieri dopo essere stato multato per inosservanza dei divieti

Quasi 14mila sanzioni a Pasqua. A Milano il 5% dei controllati è stato multato perché fuori senza motivo.

ROMA – Quasi 14mila sanzioni a Pasqua. Il Viminale ha reso noti tutti i dati dei controlli effettuati domenica 12 aprile 2020. Le persone multate sono state 13.756 su 213.565 verifiche. 100 gli italiani denunciati perché hanno dichiarato il falso mentre le attività chiuse sono state 47 mentre 121 le sanzionate. In questo caso i controlli hanno raggiunto la cifra di 60.435.

I nostri che lavorano sulla questione del traffico – ha assicurato la ministra De Micheli ai microfoni di Radio 1mi hanno mandato qualche messaggio e confermano che è tutto abbastanza tranquillo. Gli italiani hanno capito anche se è un sacrificio“.

A Milano sanzionato il 5% dei controllati

A Milano è stato sanzionato solo il 5% dei controllati. “I dati della Polizia locale e della Prefettura – ha detto il sindaco Sala – dimostrano che la grandissima maggioranza dei cittadini che sono in giro per la città sono in giro per lavoro. Io vorrei che questo fosse chiaro“.

Numeri positivi anche se in Lombardia negli ultimi giorni è stato registrato un aumento dello spostamento rispetto al passato. La Regione sta effettuando tutti i controlli per capire a cosa è dovuto questa crescita di mobilità.

Polizia coronavirus
Un controllo della polizia (fonte foto https://www.facebook.com/poliziadistato.it/)

200 multe a Roma

Controlli rafforzati anche a Roma. Nella Capitale tra sabato 11 e domenica 12 sono stati effettuati 30mila controlli effettuati con circa 200 illeciti registrati con la maggior parte delle sanzioni fatte nel giorno di Pasqua.

Tra i fermati molte persone che stavano cercando di raggiungere il litorale o parenti e amici per il pranzo. Multati anche alcuni runner nei parchi o lontani dalle proprie abitazioni. La maggior parte delle persone, comunque, ha rispettato le norme imposte dal Governo per questo weekend considerato chiave per il trend del coronavirus.

40enne mostra dito medio ai carabinieri

A Ivrea un uomo di 40 anni ha ‘sfidato’ i carabinieri dopo essere stato multato per inosservanza dei divieti. L’italiano prima ha lanciato il verbale e successivamente ad un posto di blocco ha insultato i militari mostrando il dito medio. Davanti, però, c’era un’altra pattuglia che lo ha fermato e denunciato per vilipendio e oltraggio a pubblico ufficiale.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/carabinieri.it

ultimo aggiornamento: 14-04-2020

X