Coronavirus, in Calabria scuole chiuse fino al 28 novembre. Spirlì: “Decisione sofferta. Chiedo a tutti pazienza e collaborazione”.

CATANZARO – Coronavirus, scuole chiuse in Calabria fino al 28 novembre. La decisione è stata presa dal presidente facente funzione Nino Spirlì per rallentare la diffusione dell’epidemia nella regione.

Ordinanza destinata a provocare uno strappo definitivo con Roma. Da parte della ministra Azzolina e del premier Conte c’è sempre stata l’intenzione di difendere la didattica in presenza per quanto possibile. Non ci sarà, però, nessuna impugnazione da parte di Palazzo Chigi. Non sono esclusi ricorsi da parte delle singole categorie di genitori, come successo in Puglia e in Campania.

Spirlì: “Decisione sofferta”

La decisione è stata spiegata dallo stesso Nino Spirlì: “Non è stata una decisione facile, perché fermare la didattica in presenza significa privare i bambini, gli adolescenti e i giovani di un diritto garantito dalla Costituzione e da tutte le leggi in materia. Tuttavia non possiamo tenere conto del carattere sempre più invadente del Covid–19. Le scuole sono abitate da esseri umani, i quali sono trasportatori silenziosi di questo pericolosissimo virus. Le famiglie, in questo momento drammatico, devono essere tutelate, soprattutto in ambito sanitario. Per chi chiedo la collaborazione e pazienza. Solo così potremo uscire, tutti insieme, da questo tunnel“.

Regione Calabria
fonte foto https://www.facebook.com/RegioneCalabria2020/

Coronavirus in Calabria, il bollettino del 14 novembre

Resta più o meno stabile l’andamento in Calabria del coronavirus. Il bollettino del 14 novembre registra 333 nuovi casi. I deceduti nelle ultime 24 ore sono stati 5, mentre l’incremento dei ricoveri ordinari è di 7 unità. Si libera un posto in terapia intensiva.

Una situazione da scenario 2, secondo l’ultimo monitoraggio dell’Iss. Possibile un cambio di fascia nel prossimo weekend, ma molto dipenderà dai prossimi giorni e dalla capacità di tracciare i focolai. La speranza di tutti i calabresi è quella di essere sistemati almeno in zona arancione per poter guardare con fiducia al futuro.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calabria coronavirus cronaca scuola

ultimo aggiornamento: 15-11-2020


Romania, incendio nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale, almeno 10 morti. Erano pazienti Covid

Campania zona rossa, folla in centro a Napoli e file ai supermercati alla vigilia del lockdown