Coronavirus, l’ISS suggerisce di anticipare le misure restrittive in quattro Regioni: si tratta di Emilia Romagna, Campania, Friuli Venezia Giulia e Veneto.

Emergenza coronavirus in Italia, l’Istituto Superiore di Sanità, in base agli ultimi dati legati al monitoraggio, suggerisce chiusure per altre quattro Regioni. Si tratta di Emilia Romagna, Campania, Friuli Venezia Giulia e Veneto.

Coronavirus
Coronavirus

La conferenza stampa di Silvio Brusaferro (ISS)

Sulla base dell’ultimo monitoraggio ci sono quattro regioni che vanno verso rischio alto e nelle quali è opportuno anticipare le misure più restrittive“, ha dichiarato il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro nella conferenza stampa del 10 novembre.

Di seguito il video della conferenza stampa condiviso sulla pagina Facebook ufficiale del Ministero della Salute.

Emilia Romagna, Campania, Friuli Venezia Giulia e Veneto verso la stretta

Come anticipato, le quattro Regioni in questione sono Emilia Romagna, Campania, Friuli Venezia Giulia e Veneto.

Si tratta, in termini tecnici, delle Regioni entrate nel quarto scenario e con alta probabilità di diffusione del virus.

Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca

L’area di rischio

Resta ora da capire se anticipare effettivamente l’introduzione di misure restrittive e soprattutto in quale area di rischio collocare le quattro Regioni in questione.

Da settimane si parla, ad esempio, del passaggio in Zona Rossa della Campania, inserita in Zona Gialla con la prima ordinanza del Ministro della Salute Roberto Speranza.

I tecnici, insieme con il Ministero della Salute e le autorità regionali di riferimento, continuano ad analizzare i dati per arrivare ad una decisione condivisa e fondata sui dati a disposizione, che fotografano la situazione fino allo scorso 1 novembre.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus cronaca News primo piano

ultimo aggiornamento: 11-11-2020


Coronavirus, 35.098 nuovi casi e 580 morti in un giorno. Il Viminale: “Controlli più serrati”

Il parere del Cts alla Regione Sardegna: “Discoteche spot all’assembramento. Non riapritele”