Coronavirus, Donald Trump dichiara lo stato emergenza nazionale

Coronavirus, Donald Trump dichiara lo stato emergenza nazionale

Coronavirus, Donald Trump dichiara lo stato di emergenza nazionale. A breve saranno svelate tutte le misure restrittive.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Coronavirus, Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale. Per affrontare questo periodo la Casa Bianca ha stanziato 50 miliardi di dollari. Nessuno stop della macchina produttiva ma maggiori fondi a Stati e ospedali per cercare di porre fine a questa epidemia.

Donald Trump dichiara l’emergenza nazionale

Dichiaro emergenza nazionale, due parole molto importanti“. Con questa frase il presidente americano ha iniziato il suo discorso alla nazione. “Chiederemo agli ospedali di preparare piani di emergenza. Assicureremo massima flessibilità nella lotta del virus“.

Per la prima volta negli Stati Uniti i test saranno gratis per tutti e dalla prossima settimana saranno disponibili 500mila tamponi. Un primo passo per affrontare questa emergenza sanitaria. Come detto in precedenza, non ci sarà nessuno stop della produzione o dei lavori ma l’obiettivo della Casa Bianca è quella di rinforzare il sistema sanitario di ogni Stato. La situazione fino a questo momento negli Usa sembra essere sotto controllo con 40 morti e 1.701 casi. I numeri sembrano essere destinati ad aumentare anche se è stato emesso il blocco di entrata da tutti i Paesi dell’Ue, esclusa la Gran Bretagna.

Donald Trump
Fonte foto: https://twitter.com/WhiteHouse

Ennesima emergenza nazionale negli Usa

Non è la prima volta che Donald Trump dichiara l’emergenza nazionale. Dagli incendi in California alle inondazioni nel Midwest, il presidente americano non si è mai tirato indietro per stanziare dei fondi che hanno come obiettivo di aiutare la nazione.

Questa, però, sembra essere un’emergenza più importante delle altre. Si temono diverse vittime anche negli Stati Uniti anche se la situazione, al momento, sembra essere sotto controllo con quasi duemila contagi e 41 vittime. Anche se il numero sembra essere destinato ad aumentare nonostante la chiusura dei voli dall’Unione Europea (esclusa la Gran Bretagna).

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

fonte foto copertina https://twitter.com/WhiteHouse

ultimo aggiornamento: 14-03-2020

X