Scatta la corsa all’ecobonus auto. Nel decreto agosto nuovi fondi per rifinanziare il bonus e rilanciare un settore in crisi.

L’ecobonus auto funziona Solo nel primo fine settimana sono stati impegnati circa dieci dei cinquanta milioni messi a disposizione dal governo per il contributo all’acquisto di auto green o comunque poco inquinanti (di seguito la lista delle auto con lo sconto dell’ecobonus).

Targa verde auto elettriche
Targa verde auto elettriche

Corsa all’ecobonus auto

L’ecobonus è partito lo scorso 1 agosto e sarà valido fino al prossimo 31 dicembre. Dal Ministero avevano rassicurato sul fatto che non si sarebbe trattato di un click-day, ma dal primo giorno disponibile è scattata una vera e propria corsa al bonus. Un dato sicuramente positivo per il mondo dell’auto, travolto dall’emergenza coronavirus che di fatto, nei mesi duri, quelli del lockdown, ha quasi azzerato produttività e vendite. A regime, secondo le indicazioni, si procede con 3 milioni di incentivi al giorno già utilizzati.

Scarica QUI il Decreto Rilancio.

Soldi euro
Soldi euro

Con il decreto Agosto nuovi fondi per il mondo dell’auto

Il settore automotive resta al centro delle attenzioni del governo che anche con il decreto Agosto dovrebbe continuare a sostenere il mondo dei motori. Con il prossimo dl si dovrebbe il governo dovrebbe andare a rifinanziare gli incentivi. Lo scopo sarebbe quello di mettere sul piatto una cifra vicina ai cinquecento milioni di euro per sostenere il settore. Mezzo miliardo quindi, a fronte del miliardo netto che, secondo le indiscrezioni, avrebbe voluto mettere sul piatto il ministro dell’Economia Gualtieri. Con il nuovo sforzo gli incentivi, in base alle previsioni, potrebbero essere garantiti per sei mesi circa, forse qualche settimana in più.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
ecobonus 2020 ecobonus auto economia motori

ultimo aggiornamento: 04-08-2020


Decreto Agosto, al vaglio misure per il rilancio di ristorazione, abbigliamento e calzature

MotoGP, cancellati i Gran Premi di Malesia, Thailandia e Argentina