La dissenting opinion dei tre giudici progressisti della Corte Suprema è molto critica nei confronti della sentenza.

Come da prassi, dopo una decisione della Corte Suprema i nove giudici esprimono la loro opinione a favore o in contrasto con la decisione finale. La dissenting opinion dei tre giudici progressisti della Corte Suprema è piena di toni critici e attacca duramente la decisione dei sei giudici ultra conservatori voluti da Trump.

Stephen Breyer, Sonia Sotomayor ed Elena Kagan hanno firmato una lettera che si distingue per i suoi toni particolarmente duri come hanno evidenziato i media statunitensi. “I giudici progressisti non si sono limitati a dissentire dai ragionamenti dei loro colleghi, ma hanno descritto le azioni e le conseguenze della maggioranza della Corte come illegittime» scrive The New Republic riportato da il Post.

Tribunale
Tribunale

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il dissenso contro la decisione della Corte

Secondo i tre giudici progressisti, dato che la Costituzione è neutrale sull’aborto, anche la Corte – che fa rispettare la Costituzione – deve mantenersi tale. Per questo motivo, hanno dichiarato la loro decisione forzata e politica, illegittima. Stando alle parole della dissenting opinion i tre giudici accusano i sei conservatori di aver preso “le parti contro le donne che vorrebbero esercitare quel diritto e a favore di quegli stati, come il Mississippi, che vogliono impedirglielo».

la maggioranza ha preso una posizione per ragioni ideologiche e personali, per nulla basata sulla giurisprudenza. Il duro attacco dei tre giudici progressisti trova il plauso della pubblica opinione e terreno fertile per una critica molto accesa che negli ultimi tempi sta minando la credibilità di una Corte Suprema troppo politica. Per il giudice capo della Corte Suprema Roberts – nonostante contrario all’aborto – ha dichiarato che i cinque conservatori hanno esagerato a cancellare di colpo la sentenza Roe contro Wade”.

La decisione ha dato un grave scossone al sistema legale. Una sentenza più limitata sarebbe stata meno sconvolgente”, ha scritto Roberts che ha voluto sottolineare questo disallineamento. I tre giudici progressisti invece si sono fortemente dissociati da questa decisione epocale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-06-2022


Milano, emergenza siccità: i divieti

Morto lo scrittore Raffaele La Capria, vincitore del Premio Strega