Anche quest’anno si potrà usufruire del bonus zanzariere 2022. Per rientrare nei beneficiari è necessario rispettare alcuni requisiti.

Il bonus zanzariere 2022 consiste in una detrazione Irpef del 50%, usufruibile nel caso di acquisto di zanzariere con schermatura solare. Il bonus in questione sarà valido anche per l’anno 2022, rientrando nell’ecobonus al 50%, secondo cui è previsto sgravio fiscale per lavori di efficientamento energetico.

Per beneficiare del bonus l’acquisto delle zanzariere dovrà rientrare in determinati requisiti. L’installazione delle suddette, potrà rientrare nelle detrazioni fiscali relative alle schermature solari. Con schermature solari ci si riferisce a tutti quei dispositivi con la funzione di schermare la luce solare, migliorando l’efficienza energetica della struttura in cui vengono installate.

dichiarazione redditi 730 precompilata pc

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I requisiti da rispettare

Per prima cosa, le zanzariere acquistate, per rientrare nei requisiti previsti dal bonus, devono necessariamente essere munite di marcatura CE. Si tratta della marcatura che denomina un insieme di pratiche obbligatorie nella produzione di determinati prodotti.

In secondo luogo, le zanzariere devono essere applicate nell’edificio in maniera permanente. Ciò significa che non devono essere montate come dispositivi mobili che possono essere smontati e rimontati in qualunque momento.

Inoltre, dovranno proteggere una superficie vetrata, come finestre e porte a vetri, che sia esposta al sole negli orientamenti da Est a Ovest passando per Sud. Prerogativa delle zanzariere è che siano anche regolabili.

La zanzariera, per essere considerata della classe di quelle appartenenti a quelle con funzione di schermatura solare, il valore Gtot tra zanzariera e vetrata deve essere inferiore a 0,35.

Come stabilito dall’Enea, per considerare una zanzariera come schermatura solare, il valore Gtot complessivo tra zanzariera e vetrata deve essere inferiore a 0,35. Questo requisito è imposto dall’Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

La detrazione prevede un tetto massimo dell’importo di 60 mila euro. La detrazione Irpef del 2022 consiste in 10 rate dello stesso importo, suddivise nei successivi 10 anni e applicate nella dichiarazione dei redditi. Per usufruire della detrazione fiscale bisogna comunicare i dati dell’operazione all’Enea.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-05-2022


Guerra in Ucraina, inflazione ai massimi storici

Dichiarazione precompilata 2022, le novità dal 23 maggio