Cosa prevede il decreto riaperture di maggio: coprifuoco alle 23 dal 19. Matrimoni all’aperto e al chiuso dal 15 giugno.

ROMA – E’ stato definito il decreto riaperture di maggio. Al termine di una lunga discussione, sono state approvate le linee guida uscite dalla cabina di regia prevedono una ripartenza completa entro il 15 giugno, con solo alcune attività che dovranno aspettare il 1° luglio.

Cosa prevede il decreto riaperture di maggio

Andiamo a vedere nei singoli dettagli cosa prevede il decreto riaperture di maggio approvato in Consiglio dei Ministri nella giornata dei 17.

Coprifuoco

La partita si è giocata principalmente sul coprifuoco. La Lega ha spinto per le 24 da subito, ma alla fine è passata la linea del premier Draghi: dal 19 maggio il divieto di circolazione slitta alle 23, dal 7 giugno scatta dalle 24 e dal 21 giugno si procede con la cancellazione della misura.

Palestre e piscine

Per le palestre prevista una riapertura in anticipo (24 maggio) mentre per le piscine al chiuso si dovrà aspettare il 1° luglio. Una decisione che evidentemente ha diviso il mondo dello sport.

Matrimoni

C’è una data anche per i festeggiamenti legati ai matrimoni. Il giorno scelto per la ripresa delle cerimonie è 15 giugno, con gli ospiti che dovranno essere muniti di certificazione verde.

Centri commerciali

Subito la ripartenza dei centri commerciali nel weekend. Le riaperture sono previste già per il fine settimana 22-23 maggio.

Bar e ristoranti

Anche su bar e ristoranti l’accordo rappresenta un compromesso tra aperturisti e rigoristi. La riapertura dei locali al chiuso resta fissata al 1 giugno ma questi non dovranno chiudere alle 18.00. Sarà consentito anche cenare.

Congressi, parchi tematici e impianti da sci

Il 15 giugno sembra è la data scelta per la ripartenza di congressi e parti tematici, quindi in anticipo rispetto al primo decreto riaperture. Mentre già dal 22 maggio riprenderanno la loro attività gli impianti di sci.

Sci
Sci

Sale da gioco e corsi di formazioni

Per sale da gioco e corsi di formazioni il via libera è previsto per il 1° luglio.

Ultimo decreto per le riaperture?

Questo potrebbe essere l’ultimo decreto per le riaperture. Le date previste, infatti, non dovrebbero essere revisionate. In realtà nel corso delle prossime settimane il governo tornerà a confrontarsi per fare il punto della situazione e qualche accorgimento non è escluso.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 17-05-2021


Caso Sea Watch, il Gip archivia l’accusa di istigazione a delinquere nei confronti di Salvini

Coronavirus, 6 Regioni verso la zona bianca