Da giugno 6 regioni in zona bianca: Friuli, Molise, Sardegna, Abruzzo, Veneto e Liguria verso la fascia con meno restrizioni.

ROMA – Da giugno almeno 6 regioni in zona bianca. Nella cabina di regia del 17 maggio, come riportato dal Corriere della Sera, il Cts ha confermato la possibilità del passaggio nella fascia con meno restrizioni di Friuli Venezia-Giulia e Sardegna dal 1° giugno, mentre dal 7 toccherebbe ad Abruzzo, Veneto e Liguria.

Un quadro più chiaro a livello regionale lo si avrà con il prossimo monitoraggio e non si esclude la possibilità di un inserimento di altre regioni nella fascia con meno restrizioni.

Cosa si può fare in zona bianca

Il passaggio in zona bianca dovrebbe consentire all’economia di ripartire. Non ci dovrebbe essere, infatti, il coprifuoco e, soprattutto, non si esclude la possibilità di far ripartire alcune attività come piscine e congressi con qualche giorno di anticipo rispetto alla road map stabilita dal premier Draghi. In questa fascia, insomma, si dovrà rispettare solamente tre regole: obbligo della mascherina, distanziamento sociale e sanificazione delle mani.

Dovrebbero restare chiuse, invece, le attività di sale da ballo, discoteche e simili. Ma su questo la discussione è aperta e nelle prossime ore ci potrebbero essere importanti novità su queste attività.

Coronavirus
Coronavirus

Italia sempre più ‘bianca’

Le prossime settimane saranno decisive per vedere una Italia sempre più bianca. Nella riunione di Palazzo Chigi, infatti, è stato confermato un quadro in netto miglioramento e, per questo, presto altre regioni potrebbero raggiungere la zona con meno restrizioni.

Il numero ipotizzato da Palazzo Chigi è di sei regioni dal 7 giugno, ma non si esclude un numero più alto già a partire dal 14. La decisione definitiva sarà presa solo dopo l’ultimo monitoraggio di venerdì 21 maggio. E, considerato un quadro in netto miglioramento, non si esclude la possibilità di vedere la maggior parte dell’Italia in bianco da fine giugno.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 17-05-2021


Coprifuoco, palestre e matrimoni: cosa prevede il nuovo decreto riaperture

Coprifuoco alle 23, ecco da quando. Ristoranti e matrimoni: tutte le novità del nuovo decreto