I futures sono degli strumenti speculativi, in mano ai colossi del mondo della finanza. Scopriamo di che si tratta nel dettaglio.

I “futures” sono dei contratti che danno la possibilità di acquistare o vendere un prodotto ad un prezzo determinato entro una data scadenza. Nascono più di 200 anni fa come degli strumenti assicurativi, usati specialmente nell’agricoltura. Ci sono molte oscillazioni nei prezzi dei prodotti agricoli, per questo i futures vengono usati molto spesso. Il meccanismo è facile. Un agricoltore può voler decidere di fissare il prezzo al quale venderà il proprio raccolto in anticipo, per evitare imprevisti. Con un contratto future, l’agricoltore può avere la certezza di vendere il proprio raccolto al prezzo prefissato al momento della vendita.

Dall’altra parte, il compratore è sicuro del fatto che potrà acquistare il grano ad un prezzo prefissato. I rischi di buyer e seller vengono dunque attenuati, in quanto le parti concordano su un prezzo in maniera anticipata. Tale schema è diventato estremamente popolare nel mondo della finanza, con i colossi di questo settore che si servono dei futures per i contratti legati a materie prime come petrolio, gas e metalli, oltre ad azioni e indici di borsa. I futures vengono concordati in base al mese di consegna e al prodotto.

impianto petrolio
impianto petrolio

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Un esempio pratico

Col tempo, la speculazione è entrata a far parte del mondo dei futures. Queso poiché i futures possono essere scambiati senza che la consegna effettiva dei prodotti avvenga. Il meccanismo sfruttato in questo caso si chiama “effetto leva”. Facciamo un esempio per capire il funzionamento di questo processo. Ipotizziamo quanto segue: il prezzo del petrolio è a 100 dollari al barile. Se penso che questo prezzo salirà, posso comprare dei futures che tra un mese mi porteranno ad avere 1000 barili a 100 dollari ognuno. Il costo del future è, per ipotesi, di 1 dollaro al barile.

Da ciò, si aprono vari scenari. Mettiamo caso che il valore del petrolio, a ridosso della scadenza dei futures, sia salito a 110 dollari. Posso dunque comprare 1000 barili a 100 dollari, spendendo 100mila dollari. Ma posso decidere anche di rivendere il future a 110, incassando dunque 110mila dollari. Ho dunque incassato 10mila dollari investendone 1000. Qualora però il prezzo del petrolio sia sceso, i contratti precedenti sono da buttare. I 1000 dollari spesi per comprare i futures sul petrolio andranno tutti persi. Posso però vendere i miei futures prima dello scadere dei contratti. Per questo i futures sono uno strumento speculativo molto in uso, che determina il prezzo delle materie prime.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-03-2022


Dal dollaro allo yuan: il contrattacco russo

Russia in default: debito di 117 milioni di dollari