Documenti fondamentali per risolvere rapporti economici

Cosa sono i titoli di credito e quanti tipi di titoli di credono esistono? Dalla cambiale all’assegno, un panorama variegato.

Cosa sono i titoli di credito?

I titoli di credito sono a tutti gli effetti dei documenti che, come tali, vanno correttamente compilati e vidimati.

Conferiscono il diritto a ottenere una certa prestazione, che sia di natura economica o che sia vincolata ad esempio a un insieme di rapporti giuridici.

Per fare alcuni esempi concreti, la cambiale è un titolo di credito che da diritto alla riscossione di denaro.

Un’azione è un titolo di credito che da diritto a determinati rapporti giuridici relativi ovviamente alla sfera finanziaria.

Chi è detentore del titolo di credito è detto portatore, cioè detiene il diritto di credito a cui il titolo fa riferimento. Il diritto di credito conferisce al creditore la facoltà di pretendere che il debitore fornisca la prestazione dovuta.

Vari tipi di titoli di credito comunemente in uso

I titoli di credito vengono classificati in base al proprio contenuto e in base al tipo di prestazione che assicurano al portatore.

Si definiscono titoli di credito in senso stretto quei titoli che assicurano al portatore il diritto di riscuotere denaro. Assegni e cambiali sono quindi titoli di credito in senso stretto.

titoli di massa sono riferiti a beni mobiliari. Rientrano in questa categoria tutti i titoli legati alla sfera finanziaria come azioni, obbligazioni, titoli di stato. Possedendo un titolo di massa emesso da enti pubblici e società private si diventa creditore rispetto agli emittenti. Possedendo azioni emesse da S.p.A. si assume a livello giuridico lo stato di socio di una società per azioni.

titoli rappresentativi di merci consentono al possessore di acquisire merci depositate nei magazzini generali o che si trovino in viaggio. Rientrano in questo tipo di titoli le polizze di carico (che fanno riferimento a merci che viaggiano su nave) e la fede di deposito (con la quale il portatore acquisisce il diritto di acquisire o vendere le merci stoccate in un magazzino generale).

Inoltre, i titoli possono essere trasferiti attraverso diverse modalità: si parla di titoli al portatore quando con la semplice consegna materiale del titolo si trasferisce il diritto di credito che il titolo rappresenta. Le banconote sono il titolo al portatore per eccellenza; i titoli all’ordine contengono un ordine attraverso cui il creditore indica un terzo a favore di cui il debitore deve eseguire la sua prestazione; i titoli nominativi infine sono intestati a un singolo individuo e si trasferiscono soltanto con la debita annotazione sul titolo del nome del proprietario successivo.

certificato_unicasim


Come investire in titoli di stato?

Quali sono i titoli di credito al portatore e quando sono contestabili?