Le condizioni di Vladimir Putin per terminare finalmente il conflitto in terra ucraina sono più prevedibili di quello che si pensa.

La guerra in Ucraina continua a compiersi. Uomini e donne continuano a morire al fronte, siano essi in lotta per la difesa della propria sovranità nazionale o in lotta per volere di uno scellerato leader come Vladimir Putin che vuole conquistare un pezzo di terra in più. È una situazione complicata, un fuoco che non sembra potersi spegnere con facilità. Eppure, le condizioni per una pace tra i due Paesi sembrano meno complicate del previsto.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le condizioni richieste da Putin

Sembra che Putin voglia i territori del Donbass, ovvero le repubbliche autoproclamate di Donetsk e Luhansk, oltre alla città di Mariupol e alla Crimea. Mosca sembrerebbe essere disposta a rinunciare a Odessa, Kherson, Kharkiv, oltre ai territori a est del fiume Dnipro. Ma Zelensky e gli Usa saranno disposti ad accettare queste condizioni? Sembra di no. Questo, perché Putin, stando all’Ucraina e agli Usa, avrebbe usato il 15% della propria forza combattente. Da ciò, dovrà affrontare l’offensiva in Donbass senza molti dei suoi uomini migliori.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Quando potrebbero avviarsi i negoziati?

Stando a fonti Nato, Mosca potrebbe finalmente iniziare il processo di negoziati con una maggiore propensione a trattare e a porre fine alle ostilità solo dopo aver conquistato le città di Sloviansk e Kramatorsk, all’interno dell’oblast di Donetsk, nonché la città di Slevierdonetsk nell’oblast di Luhansk. Queste città, oltre a Mariupol, sembrano essere le città che Mosca intende conquistare prima di poter porre fine al conflitto in atto.

Da cosa dipenderà l’esito delle trattative?

Le trattative dipenderanno da come andranno le prossime battaglie. Qualora l’esercito di Putin riuscisse a dare incisività alla superiorità numerica sul campo, avanzando in maniera più rapida di quanto non accaduto a Mariupol, Kiev e Washington potrebbero voler chiudere la partita. Qualora, invece, la Russia non riuscisse ad avanzare con celerità, qualcuno potrebbe far capire a Zelensky che un nemico in ginocchio è un obiettivo più allettante di una pace imminente.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-04-2022


La Finlandia vuole entrare nella Nato, Mosca rafforza i suoi confini

Ucraina, altri 500 milioni di aiuti militari dall’Unione europea