Covid in Italia: casi in aumento in sei regioni. Riflessioni e studi sull’efficacia del vaccino: aumentano i casi tra gli operatori sanitari.

In Italia si registra una lieve ripresa di casi di Covid: al momento la situazione non è allarmante ma merita attenzione. Il monitoraggio Iss del 22 ottobre conta quattro regioni a rischio moderato e sei Regioni nelle quali si registra un aumento dei contagi. Inoltre nelle ultime settimane l’indice Rt ha fatto registrare una lieve inversione di tendenza, con un piccolo aumento registrato nel corso delle ultime due settimane. Anche l’incidenza ha fatto registrare un lieve aumento.

Siamo di fronte, al momento, ad oscillazioni lievi, che non indicano un cambiamento del quadro epidemiologico. Detto ciò, è evidente che i dati dovranno essere monitorati con la massima attenzione per poter intervenire tempestivamente nel caso in cui fosse necessario.

A preoccupare invece è l’aumento dei casi tra gli operatori sanitari. Una dinamica monitorata con la massima attenzione e che potrebbe avere ripercussioni sul calendario delle somministrazioni della terza dose di vaccino contro il Covid.

Coronavirus
Coronavirus

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Covid, casi in aumento in sei regioni italiane

Nel monitoraggio del 22 ottobre risultato a rischio moderato Abruzzo, Campania, Friuli-Venezia Giulia e Piemonte. I contagi aumentano invece in sei regioni. Alle quattro sopra indicate si aggiungono il Lazio e la Lombardia.

Nonostante la campagna di vaccinazione abbia raggiunto livelli considerevoli, con l’86% circa della popolazione vaccinabile che ha ricevuto almeno una dose, l’emergenza sanitaria non è alle spalle e non si può sottovalutare.

Coronavirus Covid
Coronavirus

Effetto Green Pass, aumenta il numero di tamponi giornalieri

Il numero uno dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro ha fatto sapere, in occasione della conferenza stampa sul monitoraggio del 22 ottobre, che la situazione attualmente è sotto controllo. Un dato rincuorante è rappresentato dal tasso di positività, che nel corso delle settimane è rimasto sostanzialmente invariato.

Inoltre non si può non considerare il fatto che dall’introduzione del Green Pass obbligatorio a lavoro il numero di test giornalieri è aumentato in maniera considerevole. Questo per il numero di vaccinati costretti a fare il tampone per avere il Green pass temporaneo necessario per accedere al posto di lavoro.

L’aumento dei casi tra gli operatori sanitari

Capitolo a parte è invece l’aumento dei casi di Covid tra gli operatori sanitari. I dati diramati dall’Istituto Superiore di Sanità testimoniano un considerevole aumento dei contagi nell’arco di sette giorni. L’analisi dei dati servirà a comprendere la via da intraprendere per quanto riguarda la somministrazione della terza dose del vaccino contro il Covid e più in generale l’efficacia del vaccino contro il Covid.

I sanitari sono stati i primi a ricevere il vaccino, quindi per quanto riguarda l’efficacia nel tempo sono il segmento della popolazione da analizzare con particolare attenzione. Nonostante l’aumento dei casi il vaccino sembra efficace anche se l’analisi dei dati suggerisce una lieve riduzione dell’efficacia contro la variante Delta del Covid. E bisogna ora valutare l’efficacia contro la variante Delta plus, mutazione della variante Delta che si sta diffondendo nel Regno Unito e che è stata individuata anche in Italia.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 24-10-2021


Colombia, arrestato Dairo Antonio Usuga, il nuovo Escobar. Duque, “Colpo del secolo al narcotraffico”

Milano, giovane investito in tangenziale dopo un incidente: è morto