Rischio nuova ondata Covid: continua la lotta tra varianti, Cerberus e Centaurus sembrano essere le più resistenti.

Emergenza vaccini Covid: gli esperti spingono a proteggersi in vista di una nuova ondata che potrebbe essere provocata da una sinergia di ben due varianti. Si tratta di Cerberus e Centaurus, le due varianti più forti che potrebbero entrare in competizione tra loro. Mentre la prima ha la fuga facile dagli anticorpi dell’organismo, la seconda ha una maggiore capacità di diffondere il virus.

Coronavirus Covid
Coronavirus Covid

La situazione epidemiologica vacilla tra aumenti di contagi che talvolta si riducono. Eppure, i prossimi mesi prevedono la presenza di nuove ondate Covid rappresentate maggiormente dalle varianti che entrano in competizione tra loro, come fa sapere uno studio dell’università dell’Insubria.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Cerberus e Centaurus a confronto

Secondo le analisi, le due varianti – confrontate con la Omicron 5 (Ba.5) – hanno dimostrato che mentre la Centaurus è la variante ha un alto potenziale di diffusività, la Cerberus invece riesce a sfuggire più facilmente agli anticorpi.

Fabio Angeli, professore di Malattie dell’apparato cardiovascolare all’Insubria e coordinatore della ricerca, spiega: “Ciò non esclude che nei prossimi mesi si possa assistere ad una sorta di competizione tra varianti nel cercare di diventare dominanti”. Dal momento che Cerberus ha una maggiore adesività di legame alle cellule non dissimili da quelle di Omicron, potrebbero esserci nuove ondate causate dalla diffusione contemporanea e sinergica delle due varianti.

I ricercatori spingono quindi ancora sulla campagna vaccinale che “rimane cruciale con vaccini bivalenti, costruiti appositamente contro le nuove varianti” e nel tornare a utilizzare dispositivi di protezione in caso di un aumento dei contagi.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 08-11-2022


Migranti, navi umanitarie bloccate in Sicilia

Meteo, temperature calde previste anche per novembre