Emergenza Covid, le regole da rispettare a tavola in occasione della cena della vigilia e del pranzo di Natale.

Causa Covid quello del 2020 sarà un Natale sicuramente diverso da quello tradizionale, decisamente più intimo, ma non mancherà il tradizionale cenone della vigilia o il pranzo del 25 dicembre. Ci saranno meno persone a tavola, ma lo spirito resterà invariato. Detto ciò ci saranno delle regole da seguire, degli accorgimenti per limitare i rischi legati alla diffusione del coronavirus.

La raccomandazione del governo

Il primo accorgimento è quello indicato dal governo, che ha invitato gli italiani a non invitare a casa persone non conviventi. Questo è sicuramente il primo passo per abbattere i rischi legati alla trasmissione del coronavirus.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Cena Natale
Cena Natale

Covid e Natale, le regole da rispettare a tavola

Passiamo ora a quelli che sono i consigli pratici che possiamo seguire per trascorrere un Natale in sicurezza nonostante la minaccia del coronavirus.

Il distanziamento. A tavola è necessario rispettare il distanziamento. Tra i posti a tavola dovrà esserci almeno un metro o un metro e mezzo di distanza.

Non scambiare piatti, bicchieri e tovaglioli. Anche se siamo in un contesto familiare evitiamo leggerezze. Una su tutte, non scambiamo i bicchieri e i tovaglioli, che entrano a contatto con la nostra bocca.

Evitare gli abbracci. Per quanto brutto e difficile possa essere, in questo Natale 2020 dovremmo evitare ogni forma di contatto fisico, soprattutto con persone non conviventi, come nel caso di un figlio lontano per motivi di studio o lavoro che ha fatto ritorno a casa.

Gli avanzi. Il cenone della vigilia di Natale e il pranzo del 25 sono sinonimi di avanzi e probabilmente la regola non scritta non cambierà neanche questa volta, nonostante i festeggiamenti ristretti. Ma c’è un consiglio anche per gli avanzi. Ricuocerli anche solo per pochi minuti per uccidere i virus.

Il ricambio dell’aria. È importantissimo lasciare la finestra aperta (anche un filo) per garantire un costante ricambio dell’aria nella stanza nella quale ci troviamo.

I canti di Natale. Le famiglie più attaccate alla tradizione non saranno felici nel sapere che per quest’anno è meglio evitare i canti di Natali. Il canto infatti aumenta le probabilità di contagio per via del droplet.

Attenzione agli auguri al telefono. Un’indicazione arriva anche sugli auguri al telefono. Quest’anno dovremo evitare l’usanza di passare lo stesso telefono a un numero infinito di persone. Insomma, per gli auguri ai parenti lontani ognuno usi il proprio telefono.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 24-12-2020


Coronavirus, la conferenza stampa dell’ISS: “Leggera tendenza alla risalita”

Naufragio al largo della Tunisia, almeno 20 morti