Emergenza coronavirus, scoperta una nuova variante del Covid in Italia. Combina le caratteristiche della variante nigeriana e di quella inglese.

In Italia è stata scoperta una nuova variante del Covid. Si tratta sostanzialmente di un mix delle varianti già note nel nostro Paese. La nuova variante unisce le caratteristiche della variante inglese e di quella nigeriana e non sembrerebbe più aggressiva delle varianti attualmente in circolazione.

Covid, scoperta una nuova variante in Italia. Non sembrerebbe più contagiosa di quelle attualmente in circolazione nel nostro Paese

La scoperta della nuova variante del Covid si deve al Cerba HealthCare di Milano. In particolare la nuova variante è stata identificata dal team di esperti guidato dal virologo Francesco Broccolo, dell’Università degli studi Milano Bicocca.

La nuova variante, come specificato dall’istituto, comprende caratteristiche della variante inglese e quella nigeriana. Si tratta però, affermano gli esperti, di una variante nuova, che quindi dovrà essere studiata in maniera approfondita per conoscerne con esattezza le caratteristiche.

Stando alle prime informazioni a disposizione, la nuova variante registrata in Italia non sembrerebbe più contagiosa o aggressiva rispetto a quelle attualmente in circolazione nel nostro Paese.

Coronavirus
Coronavirus

La nota del Cerba HealthCare di Milano. La nuova variante comprende caratteristiche della variante inglese e nigeriana

Grazie a metodi di ‘advanced molecular Diagnostic’ portati avanti nel laboratorio Cerba HealthCare, l’équipe di Francesco Broccolo aveva osservato all’inizio di marzo una combinazione di mutazioni mai riscontrate prima, che comprende caratteristiche delle varianti nigeriana e inglese. Il risultato del sequenziamento dell’intero genoma ha confermato che si tratta di una nuova variante“, recita la nota condivisa dall’Istituto, che ha annunciato la scoperta della nuova variante del Covid.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 03-04-2021


AstraZeneca, i dati sui decessi in Gran Bretagna

Coronavirus, preoccupano le terapie intensive: la situazione in Italia