Vaccino Covid, in Gran Bretagna sette decessi per casi di trombosi su 18 milioni di vaccinati con AstraZeneca.

In Gran Bretagna si contano 30 casi avversi e 7 decessi per trombosi su 18 milioni di persone vaccinate con AstraZeneca. I dati sono quelli dell’ente regolatore britannico che confermano la valutazione dell’Ema, secondo cui il vaccino in questione è sicuro oltre che efficace.

AstraZeneca, in Gran Bretagna sette decessi per trombosi su 18 milioni di persone vaccinate

Nel comunicare i dati le autorità britanniche ribadiscono che non ci sono evidenze di un nesso causale tra il vaccino AstraZeneca e i casi di trombosi. Quindi neanche con i sette decessi registrati dall’inizio della campagna di vaccinazione.

I benefici nel prevenire l’infezione da covid-19 e le sue complicazioni continuano a superare i rischi e il pubblico deve continuare a vaccinarsi“, è il messaggio lanciato dal capo esecutivo della Medicines and healthcare regulatory agency.

Vaccino Covid
Vaccino Covid

I dubbi sul vaccino e la posizione dell’Italia

I dati sono certamente confortanti. Nonostante ciò diversi paesi europei continuano a guardare con una certa diffidenza al vaccino AstraZeneca, che non viene somministrato a soggetti di età inferiore ai 60 anni. In alcuni casi anche a soggetti di età inferiore ai 55 anni.

L’Italia ha deciso di non unirsi alla lista di Paesi che hanno preso precauzioni nella somministrazione del vaccino AstraZeneca. Anzi, in Italia la campagna di vaccinazione di massa ruota proprio intorno a questo prodotto.

Le evidenze mediche e scientifiche sembrano legittimare la decisone del nostro governo, che ovviamente, attraverso le autorità sanitarie, continua a monitorare la situazione dopo la somministrazione del vaccino raccogliendo le segnalazioni legate ad eventi avversi.

TAG:
coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 03-04-2021


Attentato a Brescia, molotov contro il centro vaccini. Fontana, “Gesto assurdo e malavitoso”

Covid, scoperta una nuova variante in Italia