Almeno 81 persone sono morte dopo il crollo del ponte nello stato indiano del Gujarat

Almeno 81 persone sono morte quando un ponte pedonale su un fiume nello stato indiano occidentale del Gujarat è crollato, facendo precipitare centinaia di persone in acqua

Le autorità hanno detto che più di 150 persone erano sul ponte sospeso sul fiume Machchhu nella città di Morbi al momento del crollo.

I filmati televisivi hanno mostrato decine di persone che si aggrappavano ai cavi e ai resti contorti del ponte mentre le squadre di emergenza lottavano per salvarli.

Un sopravvissuto, che ha nuotato sulla riva del fiume dopo essere caduto dal ponte, ha detto al canale di notizie locale 24 Hours che ha visto diversi bambini cadere nel fiume.

“Volevo portarne alcuni con me, ma erano annegati o erano stati spazzati via”, ha detto.

Il ministro degli interni del Gujarat, Harsh Sanghavi, ha affermato che più di 150 persone erano sullo stretto ponte.Il ponte di 230-metre-long (750 piedi) fu costruito durante il dominio britannico nel XIX secolo. Era stato chiuso per lavori di ristrutturazione per sei mesi ed è stato riaperto al pubblico la scorsa settimana.

Il primo ministro indiano, Narendra Modi, che era nel suo stato natale del Gujarat per una visita di tre giorni, ha detto di aver ordinato al primo ministro dello stato di mobilitare urgentemente le squadre per l’operazione di salvataggio.

Il governo statale ha formato una squadra investigativa speciale di cinque membri per condurre un’indagine sul disastro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-10-2022


La denuncia dei tifosi dell’Inter: “Picchiati e costretti a lasciare la curva nord”

Auto finisce contro una casa: morta 22enne e tre bambini