Un’auto è finita contro il muro di una casa: quattro i morti tra cui una giovane 22enne, suo figlio di due anni, e due bimbi di 8 e 12 anni.

Un’auto si è schiantata contro una casa, provocando la morte di una ragazza di 22 anni e di tre bambini. La tragedia ha avuto luogo sulla via Emilia, in direzione Parma. Anche l’uomo che si trovava alla guida dell’auto si trova in gravi condizioni. Purtroppo non c’è stato niente da fare per i tre bambini dell’età di 2,8 e 12 anni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Lo schianto

In seguito allo schianto sono giunti anche i vigili del fuoco sul posto. Le quattro vittime sono morte sul colpo. Il fatto è accaduto ieri sera, intorno alle otto di domenica 30 ottobre. L’auto in questione è una Fiat Stilo, che si trovava all’altezza dell’abitato di Cade’, nel comune di Reggio Emilia. Il mezzo si è schiantato contro un’abitazione disabitata all’altezza del civico 52 di via Newton.

Incidente auto

Secondo quanto appreso fino ad ora, in seguito alle ricostruzioni del fatto, è emerso che la 22enne fosse la madre del bimbo di due anni. Attualmente, l’uomo alla guida dell’auto si trova ricoverato in ospedale in gravi condizioni. A bordo dell’auto c’era una famiglia di origine albanese. Ad un certo punto, il mezzo si sarebbe schiantato contro il muro.

Ancora non è chiaro il fattore scatenante dell’incidente. Nel frattempo, le forze dell’ordine sono giunte sul posto per cercare di ricostruire la dinamica dello schianto. Le condizioni del mezzo sono disastrate. Secondo quanto emerso, all’interno dell’auto c’erano la giovane 22enne ed il suo compagno alla guida, insieme al bimbo di due anni. Invece, gli altri due bimbi di otto e dodici anni non appartenevano allo stesso nucleo familiare. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, sono giunte anche diverse ambulanze del 118 per soccorrere la famiglia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 31-10-2022


Crolla ponte in India: decine di persone in acqua, molti morti

Ponte crolla con centinaia di persone sopra: almeno 140 morti