Crollo del cantiere Esselunga a Firenze: le ombre di una tragedia annunciata
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Crollo del cantiere Esselunga a Firenze: le ombre di una tragedia annunciata

Crolla parete dell'edificio

Analisi del crollo del cantiere Esselunga a Firenze: una riflessione su sicurezza, subappalti e le sfide del settore edile.

In una tragica vicenda che ha colpito il cuore di Firenze, il crollo del cantiere Esselunga si conferma come una dolorosa testimonianza delle problematiche inerenti il settore dell’edilizia, evidenziando le sfide legate alla gestione dei subappalti e alla sicurezza sul lavoro. La strage, che ha lasciato un bilancio di quattro morti e un operaio ancora disperso, solleva interrogativi profondi sulla regolamentazione del settore e sulla concorrenza sleale.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Crolla parete dell'edificio

La difficile ricerca tra le macerie

A quasi tre giorni dal crollo, le operazioni di soccorso si trovano di fronte a sfide imponenti. Alessandro Susini, veterano dei Vigili del fuoco, descrive la precarietà delle strutture rimanenti, con travi instabili che minacciano di complicare ulteriormente le ricerche. La sicurezza dei soccorritori e la stabilità del sito sono priorità assolute, rendendo ogni tentativo di recupero estremamente rischioso.

Un panorama frammentato di subappalti

L’indagine sulle cause del disastro rivela un quadro complesso di oltre sessanta ditte coinvolte, provenienti da diverse regioni italiane. Questa molteplicità di attori, che spazia da piccole imprese individuali a società più strutturate, mette in luce la frammentarietà e la complessità del sistema dei subappalti nel settore edile. Marco Carletti, segretario generale della Fillea a Firenze, sottolinea come questa situazione conduca non solo a una diminuzione della qualità degli immobili ma anche a una maggiore esposizione al rischio per i lavoratori. La presenza di ditte che emergono improvvisamente e scompaiono altrettanto rapidamente rappresenta un ulteriore ostacolo alla garanzia di standard di sicurezza adeguati.

La gestione dei subappalti, con la sua complessità e la varietà degli attori coinvolti, da chi si occupa dell’installazione delle strutture a chi realizza gli impianti, evidenzia una criticità fondamentale nel controllo e nella supervisione dei lavori. L’appaltatrice principale, Attività Edilizie Pavesi, si trova al vertice di questa piramide, con la responsabilità di coordinare un’opera che si è tragicamente interrotta.

La tragedia del cantiere Esselunga a Firenze pone in evidenza l’urgente necessità di rivedere le pratiche di subappalto e le normative di sicurezza nel settore edilizio. Concorrenza sleale, mancanza di qualificazione e scarsa sicurezza sono solo alcuni degli aspetti che richiedono un’azione decisiva per prevenire che simili tragedie si ripetano in futuro.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2024 13:35

Sparatoria terrificante con 7 bambini coinvolti: morti e feriti

nl pixel