Migranti, Frontex dà ragione alla politica di Matteo Salvini

Migranti, Frontex dà ragione alla politica di Matteo Salvini

I dati Frontex danno ragione alla politica di Matteo Salvini sui migranti. In calo dell’80% gli sbarchi nel 2018 rispetto al 2017.

ROMA – Il pugno di Matteo Salvini sui migranti inizia ad avere i primi risultati. A dare ragione alla politica italiana sono i dati Frontex che parlano di sbarchi in calo tra il 2017 e il 2018. Stiamo parlando di numeri molto importanti con cifre che arrivano anche a -80%. L’agenzia dell’Unione Europea precisa come si tratta dati minimi dal 2012.

La rotta libica – dichiara il direttore Fabrice Leggeri riportato da Il Giornaleè diventata sempre meno attraente a causa dei pericoli. Sulla rotta del Mediterraneo Centrale abbiamo visto una prima caduta dei flussi nell’estate 2017. Nel 2018 il trend si è poi confermato e rafforzato. Abbiamo una buona collaborazione con l’Italia“.

Migranti
Migranti (fonte foto https://twitter.com/openarms_fund)

Sbarchi di migranti in calo in Europa, la soddisfazione della Lega

Dalla Lega i dati di Frontex vengono confermati dal vicepresidente al Senato Roberto Calderoli: “Nella sua analisi – riporta Il Giornalesui flussi migratori del 2018, pur non ammettendolo esplicitamente, fa i complimenti alla politica del governo italiano ed esalta i risultati ottenuti“.

Questo conferma – continua Calderoli – che la politica italiana, attuata dal ministro Salvini e dal governo del cambiamento, funziona e produce risultati concreti, anche in termini di vita salvate, perché proprio Frontex conferma che le partenze dalla Libia sono calate dell’87%“.

Questi sono numeri – concludente l’esponente del Carroccio – inconfutabili e soprattutto che smentiscono quanto fatto la sinistra negli ultimi cinque anni. Loro hanno fatto entrare circa 600 mila immigrati, continuando a ripetere che fermare questo fenomeno era impossibile e che tutti per forza dovevamo prendere i migranti. E invece abbiamo visto che l’invasione si poteva fermare e Salvini lo ha fatto“.

Una prima vittoria per il titolare del Viminale che proprio dall’Unione Europea si è visto approvare il suo pugno duro sull’immigrazione.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/raffaele.masto.7

ultimo aggiornamento: 21-02-2019

X