I dati Istat sull’inflazione nel mese di novembre: “L’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività registra un aumento dello 0,7 per cento su base mensile”.

L’Istat ha pubblicato i dati provvisori sull’inflazione nel mese di novembre, registrando un aumento del 3,8% su base annua dei prezzi al consumo per l’intera collettività.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Istat, i dati di novembre sull’inflazione

L’Istat rintraccia la causa principale dell’inflazione nell’aumento dei prezzi dei beni energetici, che rappresentano una vera e propria emergenza.

“L’ulteriore accelerazione, su base tendenziale, dell’inflazione è ancora una volta in larga parte dovuta ai prezzi dei Beni energetici (da +24,9% di ottobre a +30,7%) e, in particolare, a quelli della componente non regolamentata (da +15,0% a +24,3%), mentre la componente regolamentata, pur mantenendo una crescita molto sostenuta, registra un lieve rallentamento (da +42,3% a +41,8%). Accelerano rispetto al mese di ottobre, ma in misura minore, anche i prezzi dei Beni alimentari sia lavorati (da +1,0% a +1,7%) sia non lavorati (da +0,8% a +1,5%) e quelli dei Servizi relativi ai trasporti (da +2,4% a +3,6%)“, si legge nella nota dell’Istat.

mani soldi euro
mani soldi euro

L’analisi su base annua

Per quanto riguarda l’analisi su base annua, si registra un aumento dei prezzi sia per quanto riguarda i beni che per quanto riguarda i servizi.

Su base annua accelerano sia i prezzi dei beni (da +4,2% a +5,3%) sia quelli dei servizi (da +1,3% a +1,7%); il differenziale inflazionistico tra questi ultimi e i prezzi dei beni rimane negativo (-3,6 punti percentuali), ampliandosi rispetto a quello registrato a ottobre (-2,9)”.

Di seguito la nota pubblicata dall’Istat.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-11-2021


Tasse, c’è distanza tra governo e sindacati

Dl Fisco, via libera alla mini proroga per le cartelle. No a Tari su basiliche ed edifici della Chiesa