I dati Istat sulla produzione industriale di settembre: -5,6 per cento a settembre. In crescita il trimestre.

ROMA – Sono stati pubblicati i dati Istat sulla produzione industriale di settembre. Come riportato dall’Ansa, nel nono mese dell’anno è stato registrato un calo del 5,6% rispetto ad agosto e del 5,1% in confronto al 2019.

Uno stop che non incide sui dati del terzo trimestre del 2020. Da luglio a settembre è stata registrata una crescita del 28,6% rispetto al precedente trimestre.

Istat: “Si ferma la produzione industriale”

A spiegare i dati è stato l’Istat con un breve comunicato: “Dopo quattro mesi di crescita e il forte aumento registrato ad agosto, a settembre la produzione industriale diminuisce in termini congiunturali, registrando comunque un livello superiore dell’1,3% rispetto a luglio. Rispetto a febbraio 2020, mese immediatamente precedente l’esplosione della crisi, il livello è inferiore di circa il 4% mentre, in termini tendenziali, l’indice corretto per gli effetti di calendario è più basso del 5,1%“.

Crollano le industrie tessili, ecco tutti i dati

Entrando nei dettagli del rapporto dell’Istat, le riduzioni tendenziali sono state registrate soprattutto per le industrie tessili, dell’abbigliamento, pelli e accessori (-20,8%) e per quelle petrolifere (-20,4%). Per quanto riguarda gli altri settori, da registrare una crescita per l’attività estrattiva (+2,7%), la fornitura di energia elettrica, gas, vapore ed aria (+2%) e le altre industria (+0,2%).

In negativo i comparti. I beni di consumo hanno registrato un crollo del 4,8%. Male anche i beni strumentali (-3,9%), i beni intermedi (-1,6%) e, in misura meno elevata, l’energia (-0,3$). L’indice complessivo, corretto per gli effetti del calendario, ha avuto una diminuzione del 5,1%. Le flessioni più accentuate sono state registrate per i beni strumentali (-7,1%), i beni di consumo (-5,7%) e i beni intermedi (-4,2%). Più o meno invariata l’energia (-0,1%).

Dati che rischiano di peggiorare nel mese di ottobre e novembre con l’introduzione di ulteriori misure restrittive per cercare di fermare l’accelerazione della curva epidemiologica nel nostro Paese.


Borse 10 novembre, listini in rialzo. Piazza Affari guadagna lo 0,49 per cento

Vaccino Pfizer, all’Italia almeno 27 milioni di dosi