Gli auguri di De Benedetti a Berlusconi: “Il mio giudizio su di lui rimane critico. È l’Alberto Sordi della politica italiana”.

Hanno fatto discutere gli auguri di De Benedetti a Silvio Berlusconi, ricoverato al San Raffaele per il coronavirus. De Benedetti ha definito l’ex Presidente del Consiglio un imbroglione, “l’Alberto Sordi della politica italiana“.

De Benedetti, “Auguri a Berlusconi, ma il mio giudizio su di lui rimane critico”

“Faccio i miei auguri a Berlusconi, ma il mio giudizio su di lui rimane critico […]. Ha abbassato il livello di civismo e moralità del Paese. È l’Alberto Sordi della politica italiana. È stato molto nocivo al Paese”, ha dichiarato De Benedetti nei suoi auguri di pronta guarigione a Silvio Berlusconi.

“Berlusconi è stato un grande imbroglione. Io l’ho punito severamente. Ha versato alla Cir 562 milioni, che è la più grande goduria che ho avuto nella mia vita, per uno che ha fatto di tutto per ostacolarmi. Per lui deve essere stato il più grande dolore della sua vita e per me la più grande goduria, anche se non ho toccato un euro personalmente”.

Carlo De Benedetti
Carlo De Benedetti

Marina Berlusconi: “Commiserazione”

Le dichiarazioni di De Benedetti hanno scatenato la reazione di Marina Berlusconi, che ha condannato senza mezzi termini le parole dell’imprenditore.

“Le parole di un uomo in disarmo sotto tutti i punti di vista, dalle esperienze imprenditoriali fino ai rapporti famigliari, non possono suscitare altro che un sentimento di commiserazione”.

Credo che la malattia di mio padre, come quella di qualunque altro essere umano, meriterebbe ben maggiore rispetto, discrezione e attenzione alla verità di quanto non legga e non ascolti in questi giorni“, ha dichiarato poi Marina Berlusconi come riferito da il Corriere della Sera.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Coronavirus, online i verbali del Cts. I ‘segreti’ del governo, le conseguenze ‘non recuperabili’ per i bambini, le zone rosse

Migranti, i 5 Stelle confermano la fiducia nella ministra Lamorgese