Emerso un video raccapricciante che documenta l’uccisione delle due prostitute cinesi messa in atto da Giandavide De Pau.

Continuano le indagini nei confronti di Giandavide De Pau, accusato dell’uccisione di tre prostitute a Roma. Il gip ha convalidato il fermo del killer, ritenendo l’uomo “consapevole di quanto fatto”. La madre del colpevole, in seguito al suo arresto, aveva parlato delle precarie condizioni psichiche del figlio, che spesso faceva abuso di droghe.

In questa situazione, la difesa ha annunciato che il profilo psicologico di De Pau è ancora da esaminare. Secondo quanto appreso recentemente, dopo aver commesso il triplice omicidio il colpevole era intenzionato a fuggire dall’Italia. Difatti offrì dei soldi ad una donna per ottenere un passaporto falso.

Prigione

Adesso l’imputato si trova detenuto in carcere, a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip. Stando a quanto emerso, il killer 51enne avrebbe ripreso gli istanti in cui ha commesso gli omicidi utilizzando il suo cellulare. Il fatto risale al 17 novembre scorso.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La nota del gip

Il gip, in seguito all’analisi del cellulare del colpevole ha scritto: “Documentano in maniera incontrovertibile e raccapricciante l’omicidio delle due donne cinesi commesso da Giandavide De Pau dopo aver consumato con le stesse rapporti sessuali ed aver preteso di rimanere solo mandando via altri clienti”.

E prosegue: “Dopo qualche secondo De Pau sposta il telefono e si inquadrano le scarpe che lo stesso indossa, dopodiché il telefono viene appoggiato oscurando la telecamera ma continua ad essere registrato l’audio e si sente entrare nella stanza l’altra donna cinese”.

Infine conclude: “Al minuto 1.09 si sentono rumori e la donna urlare fortemente, ma il suono giunge come soffocato. Entra l’altra donna che chiede ‘cosa fai a lei’ subito dopo si sentono le urla strazianti anche della seconda donna che viene aggredita, poi si sente prima il rumore di una porta che sbatte e poi il rumore più forte di un’altra porta, probabilmente quella di ingresso che viene aperta e dal minuto 2.41 si sente il rantolo di Xiu in fin di vita ritrovata agonizzante sul pianerottolo; dopo qualche minuto si sente la voce del portiere e poco dopo dei soccorritori”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 24-11-2022


Studenti uccisi nel campus universitario: è ancora mistero

Gabiano, 53enne uccisa a coltellate da suo figlio