Obbligo mascherine, a partire da oggi decade nei cinema, teatri e nelle manifestazioni sportive all’aperto.

Con la giornata di oggi 15 giugno decade l’obbligo dell’utilizzo delle mascherine al cinema, nei teatri ed alle manifestazioni sportive al chiuso. Resta invece l’obbligo di indossarla sui mezzi di trasporto, nelle Rsa e negli ospedali. Secondo quanto spiegato dal sottosegretario della salute Andrea Costa, l’obbligo di indossarle in questi luoghi rimarrà ancora fino a settembre.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le dichiarazioni di Costa

Il sottosegretario Costa ha dichiarato su Radio Capital: “L’ipotesi è che verrà prorogato l’obbligo fino a fine settembre per mezzi di trasporto”. Si tratta dei “luoghi più affollati e dove ci vuole ancora un po’ di prudenza”. L’obbligo di indossare il dispositivo permane anche nelle Rsa e negli ospedali. Il sottosegretario spiega che si tratta di “pochissime restrizioni ancora“.

Mascherine in tessuto

E continua: “Dopo 2 anni credo sia giunto il momento di dare fiducia ai cittadini. C’è una consapevolezza diversa”. Si tratta di un atto di fiducia “nei confronti dei cittadini che da due anni e mezzo rispettano regole, restrizioni, nei confronti di quei cittadini che hanno aderito in maniera importante alla campagna di vaccinazione. D’altronde l’obiettivo è quello di convivere con la pandemia e questo vuol dire tornare alla vita sociale, alla normalità. Per quanto riguarda gli uffici e i luoghi di lavoro già ad oggi non vi è più una norma che preveda l’obbligo”.

Roberto Speranza: “Un ulteriore segno di normalità”

Per quanto riguarda i mezzi di trasporto pubblici, il ministro della salute Roberto Speranza ha spiegato che la valutazione è ancora in corso. Nella giornata di oggi 15 giugno di terrà la decisione definitiva. All’interno del Cdm di oggi, verrà stabilito come si dovrà procedere. L’idea sembra essere quella di una proroga sui mezzi di trasporto, nel rispetto delle categorie più fragili.

Nella misura in questione si parlerà anche dell’utilizzo delle mascherine all’interno degli edifici scolastici. Il ministro Speranza, in riferimento al voto della scorsa domenica, ha dichiarato: “Un ulteriore segno di ritorno alla normalità. Era difficile sostenere come un ragazzo di 18 anni avesse potuto votare senza l’obbligo della mascherina e una settimana dopo obbligato a metterla per sostenere gli esami di maturità”.

Anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha parlato a Sky TG24 della questione mascherine. Nella giornata dell’8 giugno, ha spiegato che sarebbe “consigliabile” continuare ad usare la mascherina “sempre a portata di mano”. E continua: “Anche se dovesse essere tolta l’obbligatorietà per mezzi pubblici o aerei, personalmente io la terrei a portata di mano. Se in due settimane dovessimo avere due tre volte i contagi di oggi, questa posizione dovrei rivederla”, ha concluso.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-06-2022


Buoni pasto, i locali oggi non accettano i ticket

La Russia taglia il gas del 40% all’Europa