Le novità del decreto Green Pass bis dopo l’approvazione da parte della Camera: dalla durata della certificazione verde alle funivie.

La Camera dei Deputati ha approvato il decreto Green Pass bis, ossia il decreto con il quale il governo aveva disposto l’estensione della certificazione verde al personale scolastico e universitario e sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza. Il testo approvato dalla Camera assorbe anche le disposizioni del terzo decreto Green Pass. Andiamo a vedere allora quali sono le novità principali legate all’approvazione del decreto Green Pass bis, approvato anche dal Senato.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Decreto Green Pass bis, le novità dopo l’approvazione in Parlamento

Tra le novità principali troviamo l’estensione della validità del Green Pass da 48 a 72 ore nel caso in cui si ottenga la certificazione verde con un tampone molecolare.

Green Pass su funivie, cabinovie e seggiovie

La seconda novità riguarda la riapertura degli impianti sciistici, che si apprestano a riaprire i battenti. Nel decreto si dispone l’obbligo del Green Pass anche per accedere agli impianti. Il Green Pass quindi, oltre che per i trasporti a lunga percorrenza, diventa obbligatorio anche per salire su “Funivie, cabinovie e seggiovie, qualora utilizzate con la
chiusura delle cupole paravento, con finalità turistico-commerciale e anche ove ubicate in comprensori sciistici, senza limitazioni alla vendita dei titoli di viaggio
“. Il protocollo riapertura delle aree sciistiche e per l’utilizzo degli impianti di risalita della Fisi.

Le novità per scuola e università

Per quanto riguarda le Università, il decreto dispone che tutti gli studenti indossino la mascherina durante le attività didattiche anche se partecipano solo studenti vaccinati o guariti dal Covid.

Rimanendo nel mondo dell’istruzione, la Dad (Didattica a distanza) è contemplata solo in zona Rossa in caso di circostanze di “eccezionale e straordinaria necessità dovuta all’insorgenza di focolai o al rischio estremamente elevato di diffusione del virus o di sue varianti nella popolazione scolastica“.

La certificazione verde per gli immigrati irregolari

L’altra novità è legata al fatto che per gli immigrati irregolari muniti di tesserino Straniero Temporaneamente Presente si dispone il rilascio di una certificazione che attesti la vaccinazione. Questo per consentire al soggetto di accedere ai servizi come ad esempio le mense.

GREEN PASS
GREEN PASS

Il voto al Senato e la conversione in legge

Il decreto Green Pass bis è passato alla Camera con queste novità rispetto al testo approvato in Cdm ed è stato trasferito al Senato per l’approvazione definitiva e la conversione in legge. Il Senato ha approvato il decreto nella mattinata del 23 settembre.

coronavirus governo Draghi vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 23-09-2021


Assemblea Confindustria, Draghi: “Non vogliamo aumentare le tasse: ora i soldi si danno, non si prendono”

Vaccino Covid, verso la terza dose per tutti. Ma serve davvero?