Il decreto Ristori supera la prova del Senato e passa alla Camera per l’approvazione.

Via libera da parte del Senato al decreto Ristori, che passa quindi alla Camera per l’approvazione definitiva che a questo punto non sarebbe in dubbio.

Il decreto Ristori passa al Senato con 154 voti a favore e 122 contrari: passa alla Camera per l’approvazione

L’approvazione a Palazzo Madama è arrivata nella notte tra il 15 e il 16 dicembre. Il provvedimento, sul quale il governo aveva deciso di porre la fiducia, è passato, come riferito dall’Ansa, con 154 voti a favore e 122 contrari. Un’approvazione senza particolari complicazioni ma che mostra da punto di vista aritmetico come in Senato il rischio di uno scivolone da parte del governo è davvero concreto.

Senato
Senato

Il passaggio a Montecitorio

Per quanto riguarda l’iter alla Camera, la strada dovrebbe essere la stessa percorsa al Senato. Il governo si dovrebbe presentare in Aula con il testo blindato, quindi ponendo la fiducia, per evitare rallentamenti e soprattutto per evitare di correre rischi. A Montecitorio la situazione numerica è più semplice per la coalizione di maggioranza, che dovrebbe arrivare senza problemi ad una rapida approvazione del testo del decreto.

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Il quinto decreto Ristori atteso per il mese di gennaio

Intanto nel mese di gennaio il governo dovrebbe presentare il quinto decreto Ristori, che andrà a rinnovare gli aiuti per lavoratori e commercianti costretti a fare i conti con le chiusure legate all’emergenza coronavirus. Gli aiuti saranno confermati e rinnovati anche con lo scostamento di bilancio da 20 miliardi circa che il governo ha annunciato.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
decreto ristori economia politica

ultimo aggiornamento: 16-12-2020


Coronavirus, Conte: “Pronto un piano per Natale”. Nuovo dpcm in arrivo

Coronavirus, via libera al piano vaccini. Si inizia a gennaio. Speranza, “La sfida più importante dei prossimi mesi”