Decreto scuola come cambia l'esame di Maturità per il coronavirus

Scuola, commissari interni e presidente esterno: come sarà l’esame di Maturità: tutti ammessi

Passa il decreto Scuola, come cambia l’esame di Maturità nell’anno del coronavirus.

Approvato il decreto Scuola presentato dalla ministra dell’Istruzione Azzolina. La parte che più interessa gli studenti è quella dell’esame di Maturità. Sarebbero due, come da previsioni, le ipotesi.

Maturita
fonte foto https://www.facebook.com/groups/94585492

Decreto scuola, come cambia l’esame di Maturità

Nel caso in cui gli studenti tornassero in classe entro il 18 maggio, si procederebbe con una Maturità leggera ma in una struttura simile a quella tradizionale.

Tema di italiano il 17 giugno, poi la seconda prova, che dovrebbe essere differente per tutte le scuole. O meglio, ogni commissione di esame concorderà la seconda prova da proporre ai propri candidati.

Come anticipato nei giorni scorsi la commissione sarà composta da professori interni ad eccezione del Presidente.

Tutti gli studenti saranno ammessi all’esame di Stato, anche quelli con insufficienze nel primo quadrimestre, ma la promozione, stando a quanto appreso non sarebbe automatica. Gli studenti saranno infatti valutati per il lavoro svolto anche durante l’anno, oltre che in sede di esame.

La seconda ipotesi

Nel caso in cui non si dovesse tornare a scuola entro il 18 maggio, al momento ipotesi particolarmente realistica, non si procederà le prove scritte. Gli studenti sosterranno solo una prova orale che sarà valutata dalla commissione d’esame.

Sarà un’esame di Maturità serio per valorizzare il lavoro svolto dagli studenti in cinque anni

Nonostante la rivoluzione, nella forma e nei contenuti, la Azzolina ha assicurato che si tratterà di un esame serio, soprattutto per valorizzare il lavoro degli studenti che per cinque anni si sono applicati con costanza e dedizione.

ultimo aggiornamento: 18-04-2020

X