Il leader del neo-partito “Insieme per il Futuro”, Luigi Di Maio, ha parlato della posizione di Conte rispetto al Governo Draghi.

Tutti contro Giuseppe Conte. Questo è il clima attuale, che vede il leader pentastellato nel mirino delle critiche a causa della sua scelta di non votare il Decreto legge Aiuti, sfiduciando di fatto il Governo Draghi. Da ciò, praticamente tutti i maggiori leader politici italiani si sono schierati contro il leader dei 5 Stelle. Anche l’ex grillino Luigi Di Maio, ora leader di Insieme per il Futuro, ha detto la sua.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del ministro degli Esteri

“Diciamo la verità, il partito di Conte ha già deciso di non votare la fiducia al governo Draghi. Queste le parole di Luigi Di Maio, in assemblea congiunta di Insieme per il Futuro. “Conte sta scommettendo sul voto anticipato, ma sarebbe un ulteriore crollo nei sondaggi. Siamo in una situazione surreale, dovevamo occuparci di problemi reali del Paese, pensando a famiglie e imprese, ma siamo invece in mezzo a una crisi di governo. La maggioranza dei cittadini sa chi è il responsabile di questa crisi, ha un nome e cognome: è Giuseppe Conte”.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

“Draghi ha dato delle garanzie. Al Mef è stato aperto un tavolo sul Superbonus; sono state date garanzie sul salario minimo iniziando un percorso con le parti sociali; sono state garanzie anche sul cuneo fiscale. Credo, dunque, che il partito di Conte stia cercando solo delle scuse agitando bandierine, afferma Di Maio. “Mi spiace per la caccia alle streghe dentro il partito di Conte contro i nostri ex colleghi. Sappiamo cosa si prova, lo hanno già fatto anche con noi. Li incoraggiamo ad andare fino in fondo, per stare dalla parte giusta della storia, dalla parte del Paese. Il partito di Conte sta diventando il picconatore del governo Draghi”, conclude.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 19-07-2022


Malan a Fanpage.it: “Il Pd teme di perdere strapotere”

Ferrari (Webuild): “Il voto in autunno è lo scenario peggiore”