Diabete: arriva un nuovo test per una diagnosi lampo della malattia
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Diabete: arriva un nuovo test per una diagnosi lampo della malattia

Laboratorio coronavirus

Nuovi orizzonti nella diagnosi del diabete: l’innovativa “mini-curva”.

La diagnosi precoce di diabete e pre-diabete rappresenta una sfida cruciale nel campo della medicina moderna. Recentemente, un significativo progresso è stato compiuto grazie al contributo della ricerca italiana, portando alla nascita di un test rivoluzionario denominato “mini-curva” da carico di glucosio.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Questo nuovo metodo promette di individuare la malattia e i suoi primi segni ben prima rispetto agli attuali standard diagnostici, segnando un passo avanti significativo nella lotta contro la malattia.

Esame in laboratorio

Diabete, l’importanza della “mini-curva”

La “mini-curva” si basa sulla misurazione della glicemia alla prima ora dopo un carico di glucosio, una metodologia che l’International Diabetes Federation (IDF) ha deciso di promuovere come nuovo criterio diagnostico per il pre-diabete e il diabete.

Il sostegno a questa innovazione deriva dalla revisione della letteratura scientifica che ha messo in evidenza la sua efficacia nel rilevare la malattia con un anticipo di almeno un paio d’anni rispetto ai metodi tradizionali, come la curva da carico di glucosio a due ore.

Giorgio Sesti, presidente della Società di medicina interna Simi e professore ordinario di Medicina interna, sottolinea l’importanza di questa scoperta: “I nuovi criteri diagnostici consentono di individuare precocemente le persone ad aumentato rischio di diabete o già diabetici, che sfuggono a questa diagnosi con gli attuali criteri diagnostici“. Questa anticipazione nella diagnosi è fondamentale per implementare tempestivamente misure preventive e terapeutiche efficaci.

Verso una prevenzione più efficace

L’introduzione della “mini-curva” non solo migliora la precisione diagnostica ma apre anche la strada a una gestione più efficace della malattia.

Riconoscendo i segni della malattia in una fase iniziale, è possibile attuare interventi mirati a modificare lo stile di vita del paziente, come: una dieta equilibrata, l’esercizio fisico, e la cessazione del fumo. Questa azioni possono significativamente ritardare o persino prevenire del tutto la progressione della malattia.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 8 Marzo 2024 18:45

Trenitalia, stop alle proteste: apre al dialogo

nl pixel