La campionessa italiana Bebe Vio è stata premiata alla Camera: “Sto studiando il mondo della comunicazione. Mi piacerebbe diventare presidente del CONI”.

ROMA – Non fermarsi davanti alle difficoltà e lottare per avverare i propri sogni. Questo è l’insegnamento che dà una campionessa come Bebe Vio. La schermitrice italiana è stata premiata alla Camera con il riconoscimento Innovation leader awards dall’ANGI.

A margine di questa cerimonia l’atleta azzurra ha svelato gli obiettivi futuri: “In questo momento della mia vita – riporta il sito di Repubblicasto scoprendo molte passioni che possono diventare il mio lavoro. Lo sport mi piace un sacco ma sto studiando anche comunicazione. Un giorno mi piacerebbe unire questi due mondi e sogno di diventare il presidente del CONI. Al momento sto imparando come arrivarci e magari un giorno riuscirò ad avverare il mio desiderio“.

Il consiglio di Bebe Vio: “Alle donne dico di lottare per i propri obiettivi”

Una donna al comando del CONI. Un obiettivo possibile secondo Bebe Vio: “Alle donne – ribadisce – dico di lottare. Io ho la fortuna di non chiedere neanche se si possa fare ma penso solo a farlo. E secondo è possibile che una donna diventi il numero uno del Comitato Olimpico Nazionale“.

La schermitrice parla anche del premio ricevuto: “Io credo molto nei i giovani e ricevere questo premio mi rende molto orgogliosa. Troppe volte si sente dire che i giovani non hanno ambizioni o sogni ma vi posso assicurare che nel mondo sportivo ma anche in quello universitario ho conosciuto moltissime persone che sognano in grande“.

Un chiaro messaggio da parte di Bebe Vio sia alle donne che ai giovani. Non sappiamo se il sogno di diventare presidente del CONI si avvererà ma una cosa è certa: lei lotterà fino alla fine come ha sempre fatto nella sua vita.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Bebe Vio Coni donne giovani Scherma

ultimo aggiornamento: 07-12-2018


Jean Todt rivela: ho visto l’ultima gara della stagione con Schumacher

Bridge: Torneo internazionale “Città di Milano”: la squadra Vinci prima classificata