TAV, Conte avvisa: non permetterò a nessuno di deviare le mie decisioni

Il premier Conte ritorna a parlare del TAV ai microfoni de Il Fatto Quotidiano: “Parlerò con Juncker e Macron ma i dati sono chiari”.

ROMA – Lungo colloquio con Il Fatto Quotidiano per il premier Conte. Argomento principale il TAV con il presidente del Consiglio che apre al colloquio con Francia e Unione Europea: “Quanto prima – sottolinea riportato da Sky TG24 incontrerò il presidente francese Macron e Juncker per avviare un processo decisionale condiviso. Sono fiducioso di portare questo processo a buon fine. Sono soddisfatto della risposta di Telt che conferma come si possano avviare le dichiarazioni di interesse senza far partire i bandi di gara per alcuni mesi, senza il rischio di penali o di altri oneri per lo Stato e senza perdere gli eventuali finanziamenti europei che servirebbero solo se l’opera andasse avanti“.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

TAV, il premier Conte avvisa Salvini e Di Maio: “Nessun potrà deviare le mie decisioni”

Il premier Conte nel suo colloquio con il quotidiano avvisa sia Luigi Di Maio che Matteo Salvini: “Non permetterò a nessuno – ribadisce il presidente del Consiglio – finché ci sarò io a Palazzo Chigi di deviare le mie decisioni per ragioni di parte, ideologiche e affaristiche. Nessuna cordata imprenditoriale è venuta a farmi pressioni ma chiunque volesse sollecitarmi qualcosa deve sapere che verrebbe respinto con perdite“.

Il leader italiano precisa che “prima di prendere in mano il dossier non avevo alcuna opinione sulla vicenda e dopo l’analisi costi-benefici mi sono presentato da neutro. Ho assistito allo stress test che l’analisi di governo subiva da Salvini e dai suoi, se non avesse retto avrei detto sì a Salvini e di no a Di Maio. Abbiamo fatto una riunione tecnica e la Lega e i suoi tecnici non sono riusciti a smontare lo studio su costi e benefici. Far finta di nulla adesso sarebbe una presa in giro e io non sono un pagliaccio“.

ultimo aggiornamento: 11-03-2019

X