Capitolo Tav, Luigi Di Maio: “Utilizziamo quei denari per rilanciare le infrastrutture”. Matteo Salvini: “Quando firmo un accordo sono abituato a mantenerlo”.

Infuriano le polemiche in casa Movimento Cinque Stelle, con i deputati divisi su diverse questioni. In questi giorni Luigi Di Maio sta provando a tirare le fila del MoVimento indicando la retta via e affrontando i temi più spinosi. Intervenuto a un incontro Comital a Torino, il vicepremier è tornato a parlare della Tav, altro punto che ha provocato la creazione di diverse crepe nel muro giallo dei pentastellati.

Tav, Luigi Di Maio: non si devono fare le opere per spendere i soldi

Parlando ai giornalisti presenti, Luigi Di Maio ha parlato delle Tav ribadendo la sua posizione: per il vicepremier pentastellato le priorità per la città di Torino sono ben altre e i soldi andrebbero investiti per le infrastrutture:

Non siamo contro la Tav a prescindere. Il tema è la Torino-Lione, che è un’opera che si fa per spendere soldi […] – ha dichiarato Di Maio come riportato dall’ANSA. Utilizziamo quei denari per esempio per fare la metro due a Torino, per rilanciare le infrastrutture su questo territorio che ne ha bisogno. Stiamo dicendo che si devono spendere i soldi per fare le opere. Non si devono fare le opere per spendere i soldi“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Luigi Di Maio
Fonte foto: https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/?tn-str=k*F

Toninelli, in atto uno studio sul rapporto costi-benefici

Meno convinto invece il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, il quale ha fatto sapere che i tecnici sono al lavoro sul progetto della Tav per fare un bilancio realistico sul rapporto tra i costi e i benefici dell’opera. La speranza del ministro è quella di avere una risposta entro Natale.

Danilo Toninelli
Danilo Toninelli

Matteo Salvini: quando firmo un accordo sono abituato a mantenerlo

Sulla questione è intervenuto anche l’altro vicepremier, Matteo Salvini, il quale ha confermato di essere favorevole alla creazione di nuove infrastrutture ma non si è voluto sbilanciare proprio alla luce dello studio condotto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti: “Io sono sempre e comunque favorevole alle infrastrutture ma c’è un impegno a rivalutare quanto costa e quanto vale, e quindi aspettiamo – ha fatto sapere Salvini come riportato dall’ANSA. Stiamo valutando costi e benefici mi sembra che su altre opere i benefici prevalgano sui costi, come per la Tap e la Pedemontana. Quindi aspettiamo. Quando firmo un accordo sono abituato a mantenerlo“.


Dal Movimento Cinque Stelle: impronte digitali anche per i furbetti del Parlamento

Manovra, Bankitalia: “L’aumento dello spread non è positivo per banche e famiglie”