Luigi Di Maio sulla crisi di governo: “O nei prossimi giorni si trova la maggioranza o si va al voto”.

ROMA – Luigi Di Maio ai microfoni della trasmissione televisiva Mezz’ora in più, in onda su Rai 3 e condotta da Lucia Annunziata, è ritornato sulla crisi di governo: “Entro 48 ore si deve trovare una maggioranza rafforzata oppure si va verso il voto. Italia Viva? Non ci sono presupposti di dialogo se non ritira la sfiducia“.

Di Maio: “Sulla relazione di Bonafede il voto è un voto sul governo”

Il ministro degli Esteri ha fissato la deadline di questo esecutivo mercoledì 27 gennaio. “Il voto sulla relazione di Bonafede è sul governo – ha ribadito il titolare della Farnesina, riportato dall’Ansase ci sono forze politiche che vogliono avvicinarsi alla maggioranza ben venga, ma se deve essere qualcosa di raccogliticcio sono il primo a dire di andare a votare“.

E sull’ipotesi di un nuovo governo con lui premier ha sottolineato: “Noi come M5s non saremo mai né un donatore di sangue e di organi a questo governo. Siamo compatti e tra Conte e Renzi scegliamo il primo“. Un chiaro messaggio a Iv, pronta a rientrare nella maggioranza con un cambio di premier.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Boccia: “Non faremo mai un governo con i sovranisti”

Anche il ministro Boccia, intervenuto ai microfoni di Sky TG24, ha parlato della crisi di governo: “Noi un esecutivo con i sovranisti non lo faremo mai. Dobbiamo tutelare la posizione dell’Italia in Europa. Con Forza Italia sarebbe diverso, ma sono loro ad essere in coalizione con Lega e FdI“.

L’esponente democratico si è soffermato anche sul possibile rientro nella maggioranza di Italia Viva: “In Parlamento si può sempre trovare una soluzione. Noi siamo aperti al confronto, ma questo non deve essere fatto con i ricatti. Non è accettabile e non è accettabile ritirando i ministri“.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 25-01-2021


Vaccini Covid, l’Ue richiama le aziende: “Rispettare i contratti”. Pfizer: “Da settimana prossima fornitura torna a regime”

Lombardia zona Rossa, il Tg3 mostra in esclusiva la mail della Regione all’Iss. Chi ha sbagliato