Covid, l’analisi del direttore di Radio Maria Padre Livio Fanzaga: “Un progetto criminale per ridurci come zombie”.

Finisce nella bufera il direttore di Radio Maria padre Livio Fanzaga per la sua analisi sul Covid. Secondo il religioso la pandemia sarebbe un progetto criminale per ridurci come zombie.

Di seguito il video con l’intervento di Fanzaga condiviso dal Corriere della Sera.

Covid, il direttore di Radio Maria: “Progetto criminale per ridurci come zombie”

“Questa epidemia è un progetto non casuale, che non viene dai pipistrelli o dal mercato di Wuhan. Il coronavirus è un progetto criminale delle élite mondiali con la complicità forse anche di alcuni Stati per instaurare una dittatura sanitaria e ridurci come zombie”, ha dichiarato padre Livio Fanzaga nel corso della sua rubrica Lettura cristiana della cronaca e della storia.

Coronavirus
Coronavirus

Coronavirus, un progetto del demonio

Il direttore di Radio Maria parla anche dell’impulso di Satana, di un complotto per conquistare il mondo. “A livello religioso si è già detto che la pandemia non viene da Dio. Dal punto di vista umano non si è voluto approfondire da dove venga, questa epidemia“, incalza padre Livio Fanzaga.

“Questa epidemia è un progetto che io ho sempre attribuito al demonio che agisce attraverso menti criminali che l’hanno realizzato con uno scopo ben preciso: creare un passaggio repentino, dopo la preparazione ideologica, politica e mass mediatica, per un colpo di Stato sanitario o massmediatico”, ha spiegato il direttore di Radio Maria.

Coronavirus

Il direttore di Radio Maria sull’elezione di Joe Biden

Non manca anche un commento sulla politica internazionale, con il direttore di Radio Maria che vede l’elezione di Biden come la ciliegina sulla torta si questo progetto criminale.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus cronaca News radio maria

ultimo aggiornamento: 16-11-2020


Messina, anziano ucciso brutalmente a luglio: arrestato l’assassino, gli aveva rubato la pensione

Coronavirus, la Basilicata chiude le scuole. Abruzzo verso la ‘zona rossa’