Il nostro telefono è uno degli oggetti meno igienici con cui entriamo in contatto. Ecco come disinfettare lo smartphone in modo sicuro.

Probabilmente non ci pensiamo molto spesso, ma il nostro smartphone viene in contatto ogni giorno più volte con le nostre mani, con il nostro viso e probabilmente finisce nelle tasche o dentro la borsa. Per questo motivo non è improbabile che diventi veicolo di infezione. Probabilmente di tanto in tanto lo puliamo, ma disinfettare lo smartphone è una pratica che deve rientrare nelle nostre abitudini.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Quali sono i prodotti da usare per disinfettare lo smartphone?

Come per tutti i dispositivi elettronici, ci sono alcune regole generali che possiamo osservare. Apple mette addirittura a disposizione una guida ufficiale sulla pulizia dei propri prodotti. Non tutti i produttori non fanno altrettanto, ma possiamo usare alcune di quelle indicazioni come regole generali, dal momento che sono le più chiare.

Apple iPhone 11 Pro Colors
Fonte foto copertina e foto articolo: apple.com/newsroom/archive/

Dai consigli di casa Apple apprendiamo che il modo migliore per disinfettare lo smartphone è usare salviette disinfettanti a base di alcol. Si trovano facilmente quelle dedicate agli smartphone, ma vanno benissimo anche quelle degli occhiali, con una percentuale di alcol del 70% o simile.

Questo è in assoluto il modo migliore, ma possiamo anche usare un panno leggermente inumidito in un prodotto per la pulizia a base di alcol, sempre per superfici delicate.

Cosa evitare per disinfettare lo smartphone

Ci verrebbe da pensare che, soprattutto per disinfettarlo, la cosa migliore sia usare dei detergenti aggressivi. Il problema è che molti di questi potrebbero danneggiare le parti in plastica, i contatti e in generale tutti gli elementi non di vetro o di metallo.

Evitiamo anche i prodotti abrasivi, che potrebbero graffiare vetro e metallo.

Un altro consiglio importante è quello di non spruzzare direttamente i prodotti sulle superfici, ma di usare sempre un panno, meglio se in microfibra.

Infine, naturalmente, gli smartphone non devono essere immersi in acqua e sapone o altri prodotti di pulizia, anche se sulla carta sono impermeabili infatti, i residui di agenti chimici potrebbero depositarsi e danneggiare il telefono, a lungo andare.

cellulare caduto in acqua
Fonte foto copertina: pixabay.com/it/photos/iphone-ios-apple-6s-plus-white-1067983/

Cosa fare prima di disinfettare lo smartphone

Prima di pulire lo smartphone in modo approfondito per eliminare germi e agenti infettivi, dobbiamo prima procedere a una pulizia ordinaria. Come prima cosa, rimuoviamo la cover ed eventuali altre protezioni e puliamole o laviamole separatamente. Poi, puliamo con attenzione i collegamenti usando un bastoncino di cotone, uno stuzzicadenti o strumenti appositi.

Evitiamo di pulire contatti e alloggiamenti con strumenti di metallo che potrebbero graffiarli o danneggiarli.

tasti android rotti
Fonte foto copertina: pixabay.com/it/photos/telefono-cellulare-smartphone-gsm-3364089/

Ogni quanto pulire lo smartphone

In teoria, ogni volta che viene in contatto con qualcosa di potenzialmente infetto o poco igienico. Tuttavia, visto che rischierebbe di diventare davvero impegnativo, la raccomandazione è quella di igienizzarlo almeno una volta al giorno per debellare la maggior parte del rischio.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 12-03-2020


Come spostarsi durante la quarantena: ecco il modulo di autocertificazione

Consigli e trucchi per video lezioni perfette