Il Nobel per la Pace e direttore del giornale russo Novaja Gazeta, Dmitry Muratov dona il premio ai rifugiati ucraini.

Dmitry Muratov tramite il suo giornale russo Novaja Gazeta fa sapere che intende donare il premio Nobel per la Pace al Fondo ucraino per l’aiuto dei rifugiati. Dmitry Muratov aveva vinto il premio Nobel per la Pace l’anno scorso, per aver difeso per decenni la libertà di parola in Russia in condizioni sempre più difficili.

Il suo giornale infatti è tuttora una delle testate russe più indipendenti, con un atteggiamento critico anche nei confronti del potere. La sua integrità e la veridicità dei fatti rendono il giornale russo Novaja Gazeta una fondamentale fonte di informazione.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Un premio prezioso in dono a chi ne ha più bisogno

Kiev Ucraina
Kiev Ucraina

L’intenzione da parte del direttore del giornale Muratov di donare il premio Nobel ricevuto non è notizia nuova. Egli aveva già in passato dichiarato di non volere tenere nulla per sé. Dmitry Muratov voleva infatti donare l’ammontare del premio Nobel ricevuto per sostenere cause quali per esempio l’indipendenza dei media o per le cure dei bambini con problemi di spina dorsale.

Sulla testata giornalistica russa Novaya Gazeta, Dmitry Muratov dà la notizia della donazione che è pronto a fare per i rifugiati ucraini: “Possiamo condividere con i rifugiati pacifici, i bambini feriti e malati che necessitano di cure urgenti ciò che è caro e prezioso per gli altri I rifugiati sono già più di dieci milioni.” Il testo continua dichiarando che si può fare tanto, come smettere di sparare e fornire dei corridoi umanitari e dell’assistenza necessaria, soprattutto per i bambini feriti o malati e per i rifugiati pacifici. Infine, si chiede una risposta dalle case d’asta che batteranno il premio di fama mondiale.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 23-03-2022


Ucraina: russi sequestrano aiuti umanitari alle porte di Mariupol

Afghanistan, richiudono le scuole secondarie femminili