Una donna ha rivelato di essere stata palpeggiata da uno sconosciuto sul Metaverso. L’indiscrezione è stata dal ‘The Verge’.

ROMA – Una donna ha rivelato di essere stata palpeggiata da uno sconosciuto sul Metaverso. Come riferito dal The Verge, la vittima ha denunciato che il suo avatar è stato molestato da uno sconosciuto e che altri utenti avevano sostenuto l’incidente.

Le molestie sessuali – ha sottolineato la donna – non sono uno scherzo su Internet, ma essere in realtà virtuale aggiunge un altro livello che rende l’evento sempre più complicato“. Nelle prossime settimane non si escludono delle regole molto più dure per questo mondo, ma non si hanno delle certezze.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La presunta molestia

L’indiscrezione di The Verge è stata subito commentata sui social. Come raccontato dalla donna, la vittima era impegnata come beta tester sulla piattaforma Hordizon Worlds di Meta. Si tratta di una vicenda che in futuro potrebbe portare delle regole molto più severe in questo mondo, ma non si hanno ancora certezze.

Sicuramente i ragionamenti sono in corso e, in caso di altri episodi simili, non si esclude la possibilità di mettere in campo delle misure più dure per cercare di fermare il prima possibile tutti questi episodi.

Polizia
Polizia

Il metaverso

Il mondo del metaverso è sicuramente il futuro, ma tutti questi problemi registrati potrebbero portare in futuro un cambio di programma. Il rischio di altri episodi simili è sicuramente altro e, per questo motivo, non sono da escludere delle regole più dure per mettere fine a questi episodi.

Sicuramente l’episodio ha fatto parlare molto e nei prossimi giorni si valuterà con maggiore attenzione per cercare di inserire delle misure sicuramente più rigide per cercare di porre la parole fine a quanto successo in questo mondo. Ma, come detto, si preferisce aspettare dei dati maggiori sugli episodi avvenuti sul Metaverso.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 20-12-2021


Ladri in casa di Salvatore Sirigu, portati via anelli e bracciali

Il 3 dicembre 1992 veniva inviato il primo SMS della storia. E ora finisce all’asta. Sai cosa c’era scritto?